Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Burkina Faso: la Chiesa consiglia ai cristiani di adottare delle misure di sicurezza

Condividi

Il 12 maggio nella città di Dablo un attacco armato a una chiesa ha provocato sei morti, tra cui un sacerdote

La Chiesa cattolica del Burkina Faso sta consigliando a sacerdoti, religiose e fedeli di adottare misure di sicurezza di fronte all’ondata di violenza e di attentati che hanno come bersaglio le comunità cristiane del Paese.

Il 12 maggio, nella città di Dablo, un attacco armato a una chiesa ha provocato sei morti, tra cui padre Simeon Yampa. Il 13 maggio, quattro persone sono state uccise a colpi di arma da fuoco mentre partecipavano a una processione nella parrocchia di Notre-Dame du Lac a Singa, nella provincia di Bam.

Domenica 26 maggio, un’altra chiesa è stata bersaglio dei gruppi jihadisti. Questa volta l’obiettivo è stata la parrocchia di Notre de Toute Joie di Titao. L’attacco, perpetrato da “uomini fortemente armati” durante la Messa domenicale, ha provocato la morte di un catechista e di altri tre fedeli. Questi attacchi hanno rivelato una violenza insolita che sta allarmando la comunità cristiana.

Il responsabile della diocesi di Ouahigouya, nel nord-est del Burkina Faso, ha riferito alla Fondazione Aiuto alla Chiesa che Soffre alcuni dettagli dell’attacco alla processione nella parrocchia di Notre-Dame du Lac.

“Quando sono partiti in processione per omaggiare la Santissima Vergine, i fedeli sono stati attaccati e quattro persone sequestrate”, ha spiegato monsigngor Justin Kientega. “Le persone pensavano che sarebbero state tenute prigioniere, e invece sono state giustiziate senza pietà”.

La violenza perpetrata dai terroristi e la serie di attentati stanno allarmando la comunità cristiana e hanno portato la diocesi di Ouahigouya a chiedere ai fedeli di adottare misure elementari di sicurezza.

Tra queste, si chiede ai sacerdoti e alle suore di evitare l’uso di abiti che li identifichino chiaramente come religiosi e di cercare di viaggiare solo in orari molto trafficati – mai di notte – e di evitare percorsi simili negli spostamenti di routine.

Le misure di sicurezza si applicano anche a edifici parrocchiali, chiese e cappelle, e sono seguite un po’ in tutto il Burkina Faso, soprattutto nel nord del Paese, dove le comunità cattoliche sono molto disperse e la popolazione è a maggioranza musulmana o animista.

Monsignor Kientenga ha concluso il messaggio inviato alla Fondazione Aiuto alla Chiesa che Soffre con una preghiera per la pace, chiedendo a Dio l’eterno riposo delle vittime dell’attentato, che ha definito “i nostri martiri”. “Il sangue che hanno effuso sia fonte di pace e fecondità spirituale”, ha concluso.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.