Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 24 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: l’unità non toglie le legittime diversità

POPE AUDIENCE JUN 05

Antoine Mekary | ALETEIA | i.MEDIA

Vatican News - pubblicato il 05/06/19

La catechesi dell’udienza generale, in piazza San Pietro, è dedicata al recente viaggio apostolico in Romania, tra il 31 maggio e il 2 giugno, vent’anni dopo la visita di san Giovanni Paolo II. Il Pontefice ringrazia tutti per l’organizzazione del pellegrinaggio, sul motto: “Camminiamo insieme”

“L’unione tra tutti i cristiani, pur incompleta, è basata sull’unico Battesimo ed è sigillata dal sangue e dalla sofferenza patita insieme nei tempi oscuri della persecuzione, in particolare nel secolo scorso sotto il regime ateistico”. Con queste parole, nel corso della catechesi dell’udienza generale, Papa Francesco delinea lo spirito del suo recente viaggio apostolico, tra il 31 maggio e il 2 giugno in Romania, precisando che la “gioia” maggiore è stata procedere in “mezzo al popolo romeno, come pellegrino nella sua terra”.

Con il Patriarca e il Santo Sinodo della Chiesa Ortodossa Romena abbiamo avuto un incontro molto cordiale, nel quale ho ribadito la volontà della Chiesa Cattolica di camminare insieme nella memoria riconciliata e verso una più piena unità, che proprio il popolo romeno invocò profeticamente durante la visita di San Giovanni Paolo II.

Un viaggio ecumenico

I diversi incontri del 30.esimo viaggio apostolico del Pontefice hanno “evidenziato il valore e l’esigenza di camminare insieme sia tra cristiani, sul piano della fede e della carità, sia tra cittadini, sul piano dell’impegno civile”. In modo particolare, in un Paese largamente ortodosso, significativo e intenso è stato l’abbraccio con il Patriarca Daniel e il Santo Sinodo della Chiesa ortodossa romena

Questa importante dimensione ecumenica del viaggio è culminata nella solenne Preghiera del Padre Nostro, all’interno della nuova, imponente cattedrale Ortodossa di Bucarest. Questo è stato un momento di forte valore simbolico, perché il Padre Nostro è la preghiera cristiana per eccellenza, patrimonio comune di tutti battezzati. Abbiamo manifestato che l’unità non toglie le legittime diversità.

Veri testimoni del Vangelo

Nel corso della tre giorni, tanti sono stati anche gli appuntamenti con la comunità cattolica: la Santa Messa nella cattedrale di Bucarest, nella festa della Visitazione della Vergine Maria, “icona della Chiesa in cammino nella fede e nella carità”; la celebrazione nel Santuario di Șumuleu Ciuc, meta di moltissimi pellegrini; e la Divina Liturgia a Blaj, centro della Chiesa greco-cattolica in Romania, con la beatificazione di sette vescovi martiri greco-cattolici, “testimoni della libertà e della misericordia che vengono dal Vangelo”.

Uno di questi nuovi Beati, Mons. Iuliu Hossu, durante la prigionia scrisse: “Dio ci ha mandato in queste tenebre della sofferenza per dare il perdono e pregare per la conversione di tutti”. Pensando alle tremende torture a cui erano sottoposti, queste parole sono una testimonianza di misericordia.

Aprire i cuori e le porte

Dinanzi ai fedeli in piazza san Pietro, Papa Bergoglio ricorda poi l’incontro “intenso e festoso” con i giovani e le famiglie a Iaşi, “antica città e importante centro culturale, crocevia tra occidente e oriente”.

Un luogo che invita ad aprire strade su cui camminare insieme, nella ricchezza delle diversità, in una libertà che non taglia le radici ma vi attinge in modo creativo. Anche questo incontro ha avuto carattere mariano e si è concluso con l’affidamento dei giovani e delle famiglie alla Santa Madre di Dio.

L’ultima tappa del viaggio, conclude, è stata la visita alla comunità Rom di Blaj, dove il Pontefice ha rinnovato “l’appello contro ogni discriminazione e per il rispetto delle persone di qualsiasi etnia, lingua e religione”.

Qui l’originale di Vatican News

Tags:
papa francescoudienza generaleunità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni