Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il sogno del bambino ortodosso disabile: 400 chilometri per abbracciare Papa Francesco

PAPAMOBILE
ALBERTO PIZZOLI | AFP
Condividi

Razven lo ha realizzato sabato scorso durante il viaggio del pontefice in Romania: nonostante le stampelle e la difficoltà a muoversi, è riuscito a farsi benedire da Francesco

La visita del Papa in Romania non è stata solo un’occasione per spezzare una lancia a favore del popolo Rom o intensificare il dialogo ecumenico con le autorità religiose locali.

Durante questa visita ci sono stati una serie di fatti solidali passati in secondo piano. Uno di questi, forse il più toccante, lo ha raccontato monsignor Claudiu Pop, vescovo di curia dell’archieparchia maggiore della Chiesa greco-cattolica di Romania a Blaj e responsabile dei media della Conferenza episcopale della Romania.

POPE AUDIENCE
Antoine Mekary | ALETEIA | i.Media

L’arrivo di Razven

Il protagonista di questa vicenda è un bambino disabile. Il fatto risale a sabato 1 giugno. «Sabato sera, prima della visita del Papa – ricorda monsignor Pop – ho ricevuto una telefonata che mi diceva che era arrivato a Blaj Răzvan, un bambino ortodosso costretto sulle stampelle per una malattia, che voleva incontrare il Papa di Roma. Non lo potevamo portare dentro il Campo della Liberà per ragioni logistiche, lui non poteva camminare per più di 200 metri, mi hanno detto i medici».

L’incontro all’ingresso del Campo

La notizia è stata trasferita al Nunzio Apostolico, che, a sua volta, lo ha riferito al Papa. «All’ingresso del Campo della Libertà, Papa Francesco ha aspettato il bambino, lo ha incontrato e lo ha benedetto – evidenzia ancora monsignor Pop – Non si può immaginare la gioia dei genitori…» (Aci Stampa, 4 giugno).

Leggi anche: Bambino regala a Papa Francesco un pacchetto di patatine

“Una boccata d’aria fresca”

«Il Papa che incontra questo bambino – ha aggiunto il vescovo – il Papa che va a incontrare i rom qui, per noi è stata una gioia immensa. Ma una gioia – direi ancora di più – vedere gente che non conosceva tanto la Chiesa, che non era vicino – almeno vista dall’esterno – a Dio, avvicinarsi al Signore vedendo l’esempio del Santo Padre».

«In una Romania che sta lottando ancora per superare varie contraddizioni sociali, per guarire ferite – chiosa Pop – il Papa veramente sta portando una boccata di aria fresca, non solo a noi ma anche alla gente semplice» (Vatican News, 2 giugno).

Leggi anche: Un bambino sordomuto gioca attorno al Papa durante l’udienza generale

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni