Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Portare i figli vivaci a Messa è difficile? Ecco il consiglio di una madre

MASS,YOUNG CHILD
Condividi

Se vi serve una bella dose di incoraggiamento leggete qui!

Chi ha figli piccoli e vivaci sa bene che andare a Messa con loro è una grande sfida.

La maratona inizia già in casa. Ben prima dell’orario della celebrazione bisogna lavarli, preparare i vestiti e la borsa con le cose necessarie, da snack e bevande al giocattolo preferito.

La lotta prosegue in macchina. Mettere il bambino nel seggiolino non è sempre facile, e quando si hanno più figli è ancora più dura.

Il momento più complicato, però, è l’arrivo in chiesa. È incredibile come l’ambiente della Casa del Padre stimoli l’immaginazione dei bambini. La maggior parte di loro non riesce a stare ferma, uno corre di qua, uno di là, senza contare le grida…

E quando vedono il sacerdote? Ad alcuni manca solo di nascondersi sotto la sua veste…

Le difficoltà sono tali che spesso i genitori si scoraggiano. Alcuni smettono anche di andare a Messa tutte le domeniche. Hanno paura degli sguardi di rimprovero degli altri parrocchiani, e molti credono anche di non riuscire a pregare come dovrebbero, perché tutta l’attenzione è rivolta ai piccoli.

Se la pensate così anche voi sappiate che siete in errore. Non si deve mai smettere di andare a Messa per via del rumore o dei capricci dei figli. Bisogna abituarli a rispettare questo precetto cattolico, perché fa parte della formazione religiosa dei bambini.

Su Aleteia potete trovare vari articoli che offrono suggerimenti per andare a Messa con i bambini. C’è anche una lettera ai genitori che continuano a portare i propri figli agitati in chiesa.

Negli ultimi giorni, però, un testo che circola sulle reti sociali e su WhatsApp ha richiamato l’attenzione dei genitori dei bambini piccoli. È una poesia che rappresenta una vera iniezione di incoraggiamento per chi vuole portare i bambini ad assistere all’Eucaristia, un momento unico per noi cattolici.

Ci siamo presi la libertà di riprodurlo. Il testo è attribuito a Fernanda Dias:

Prendi in braccio il bambino e vai.
Metti i tacchi o le scarpe da ginnastica e vai.
Sistemati i capelli o fatti una coda e vai.
Truccata o col viso acqua e sapone e vai.
Il bambino non resta seduto, vai.
Il bambino piange molto, ma vai.
Forse non riuscirai a prestare l’attenzione che vorresti avere a Messa, ma vai.
Le persone si infastidiscono, ma vai.
Non permettere mai che la benedizione che hai chiesto tanto ostacoli la tua gratitudine.
Insegna a tuo figlio che andare alla casa di Dio è un modo per ringraziare.
Questa fase passerà, ma vai, anche se certi giorni sono peggiori degli altri
e a volte vorrai andartene nel bel mezzo dell’omelia.
Resta fino alla fine, respira e vai avanti.
Vai, mostra ai tuoi figli chi è il Dio che servi,
trova sempre un modo, ma mai una scusa.
Vai, madre, pianta il piccolo seme del Vangelo.
Vai, non desistere.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.