Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Francesca Barra e Claudio Santamaria: abbiamo perso il nostro bambino

FRANCESCA BARRA, CLAUDIO SANTAMARIA
Condividi

Con un annuncio su Instagram la giornalista e l‘attore hanno condiviso il loro lutto: "Il nostro bimbo, tanto cercato, tanto voluto ha interrotto il suo cammino prematuramente lasciando un vuoto che non riusciamo a riempire con nulla".

Lo schermo va a nero, salta tutto. Si perde tutto senza possibilità di recupero, e si sta immobili. È così anche il lutto, un’oscurità che cala e cancella presenze, parole, pensieri. Fare i conti con la morte – ce lo ricordava qualche giorno fa al #monasterowifi Don Vincen Nagle – è l’obiezione più grande per l’uomo di tutti i tempi ma soprattutto per l’uomo di questi nostri tempi, che fa di tutto per cancellare i limiti e, a maggior ragione, il limite estremo che è la fine della vita. Invece è proprio facendo i conti con l’obiezione suprema che tutto può mettersi a fuoco: perché solo se abbiamo un’ipotesi di bene che vince la morte, allora tutto può valer la pena di essere portato, sofferto, accudito.

Ma è straordinario, cioé è commovente, che la stuttura umana sia così imparentata al suo Creatore che, quando è in ballo la ferita acutissima della morte, la voce parla con parole chiarissime, anche senza l’esperienza viva della fede. (Perché è un’etichetta che attacchiamo noi a posteriori quella per cui si pensa: “Solo la fede fa dire certe cose”). È degno di umana attenzione ciò che nasce quando un’anima fa i conti con lo schermo nero, con un lutto.

Negli scorsi giorni la scrittrice e conduttrice televisiva Francesca Barra ha condiviso su Instagram un’immagine completamente nera per raccontare il dolore che ha colpito lei e il suo secondo marito, Claudio Santamaria: il bambino di cui erano in attesa è prematuramente morto. Il rilancio della notizia è passato dal social network ai maggiori mezzi di comunicazione, togliendo alla voce di lei quell’intimità con cui, a costo di grande dolore, era riuscita a raccontare il suo stato d’animo.

Credo che la fatica di tenere in equilibrio il proprio vissuto privato con l’immagine pubblica resti anche quando si è sulla cresta dell’onda da tempo, come la Barra e Santamaria. La coppia aveva già vissuto un altro momento difficile da digerire e dimenticare: proprio quando la loro relazione era appena cominciata, Francesca fu pubblicamente «massacrata» dagli haters e ricevette anche minacce di morte (lo racconta qui). Precedentemente sposata a un altro uomo e già madre di tre figli, non le si perdonava la scelta della separazione … e dire che in questi nostri giorni sovraffollati di eresie amorose, il fallimento di un matrimonio sancito per via legale è una delle tristi faccende meno stravaganti possibili. Lei stessa ribadì, e non era dovuto, di fronte alle telecamere di essere affranta per quel vincolo spezzato.

Non si capisce francamente perché ci spingano da tutte le parti a essere liberi, libertini, liberati da ogni forma di moralità e poi dobbiamo sorbirci dei processi moralistici per via mediatica. In ogni caso, la coppia Barra e Santamaria attraversò la bufera rafforzandosi: i due si sono sposati, prima a Las Vegas poi a Policoro nel 2018. L’arrivo di un figlio era stato atteso e desiderato, poi è stato concepito. La ferita di un aborto spontaneo ha gettato nello sconforto la famiglia, eppure in mezzo alla sofferenza – a tu per tu con il velo nero del lutto – Francesca ha condiviso parole che meritano di essere lette con calma e meditate.

Oggi scopro di essere fragile

Io e Claudio stiamo vivendo uno dei momenti più dolorosi della nostra vita. Sappiamo che tanti di voi hanno fatto il tifo per noi, il nostro amore, il nostro bambino e per questo vi ringraziamo con parole sincere che provo a condividere per quel “prima o poi si scoprirà” che doveva arrivare, ed è più giusto che arrivi da noi.
Perché il calore dei familiari, degli amici discreti, degli sconosciuti che però sono stati coinvolti in tante gioie – e tante fatiche- non è mai scontato o dovuto. E lo useremo come unguento in queste ore in cui stiamo facendo i conti con una perdita dolorosissima. Il nostro bimbo, tanto cercato, tanto voluto, che finalmente era dentro di me contagiandoci con gioie e progetti e con cui poi abbiamo lottato aggrappandoci alla più piccola e improbabile speranza, ha interrotto il suo cammino prematuramente lasciando un vuoto che non riusciamo a riempire con nulla. La mia pancia sembra ancora essere il luogo più sicuro per proteggerlo. Eppure lui non c’è più. 
Ho spesso creduto e condiviso con voi la sfrontata certezza che l’amore salvasse, bastasse, rendesse invulnerabili ed eroici. Che la mia forza, l’essere disposti a tutto, la forza di una madre, potesse perfino smentire la scienza e trasformarsi nel miracolo.
 Oggi scopro di essere fragile, di non avere armi, di non essere stata in grado di produrre quel miracolo, di essere piccola, di non avere spiegazioni sagge perché non sempre ciò che sai, sei e senti è sufficiente per salvare chi amavi già con tutta te stessa.
 (da Francesca Barra – Instagram)

View this post on Instagram

Io e Claudio stiamo vivendo uno dei momenti più dolorosi della nostra vita . Sappiamo che tanti di voi hanno fatto il tifo per noi, il nostro amore, il nostro bambino e per questo vi ringraziamo con parole sincere che provo a condividere per quel “prima o poi si scoprirà” che doveva arrivare, ed è più giusto che arrivi da noi. Perché il calore dei familiari, degli amici discreti, degli sconosciuti che però sono stati coinvolti in tante gioie- e tante fatiche- non è mai scontato o dovuto. E lo useremo come unguento in queste ore in cui stiamo facendo i conti con una perdita dolorosissima. Il nostro bimbo, tanto cercato, tanto voluto, che finalmente era dentro di me contagiandoci con gioie e progetti e con cui poi abbiamo lottato aggrappandoci alla più piccola e improbabile speranza, ha interrotto il suo cammino prematuramente lasciando un vuoto che non riusciamo a riempire con nulla. La mia pancia sembra ancora essere il luogo più sicuro per proteggerlo. Eppure lui non c’è più. 
Ho spesso creduto e condiviso con voi la sfrontata certezza che l’amore salvasse, bastasse, rendesse invulnerabili ed eroici. Che la mia forza, l’essere disposti a tutto, la forza di una madre, potesse perfino smentire la scienza e trasformarsi nel miracolo.
Oggi scopro di essere fragile, di non avere armi, di non essere stata in grado di produrre quel miracolo, di essere piccola, di non avere spiegazioni sagge perché non sempre ciò che sai, sei e senti è sufficiente per salvare chi amavi già con tutta te stessa.
Scopro che non posso compensare una perdita con altre fortune ricevute precedentemente, perché ogni progetto è un progetto unico e apporta un senso nella vita che non può essere sostituito con nessun sollievo.
E per questo , proprio per questo, ci sarà bisogno di molto tempo e di un rispettoso silenzio. Non per cancellare, ma per lasciare che questo pezzo di vita reciso e questo dolore, trovi il giusto posto nel nostro cuore e si posi, e riposi, senza l’ossessione dei milioni di perché che per ora ci inseguono pur sapendo che non otterranno mai la risposta che il nostro cuore meriterebbe.

A post shared by ℱ𝑟𝑎𝑛𝑐𝑒𝑠𝑐𝑎 𝐵𝑎𝑟𝑟𝑎 (@francescabarra1) on

La fragilità, quella vera … che non è una posa da anime delicate, è un tuffo che sembra in apnea, ma fa respirare un’aria pura. È azzerata di sostanze inquinanti che ci mettiamo noi, tipo i discorsi astratti su cosa sia il corpo della donna e altre chimere ideologiche sulla gravidanza. «La mia pancia sembra ancora essere il luogo più sicuro per proteggerlo. Eppure lui non c’è più.» La mamma è questa accoglienza partecipe ma passiva, ce ne si rende conto anche quando le cose vanno bene; e non è brutta da notare questa passività, che è tutt’uno con il lasciare il campo aperto a forze che non dipendono dalla nostra volontà. Di fatto, la pancia ospita e protegge … se dovessimo dire cosa «facciamo» noi mamme per far crescere il feto, sarebbe quasi impossibile. Ieri, parlando con un’amica in attesa, mi diceva che aveva l’impressione che da un’ecografia all’altra accadesse una magia. Non è suggestione, è l’evidenza che non è in mano nostra la vita che portiamo in grembo. Ne siamo custodi, ma è altro da noi. Chi vive il dolore di un aborto spontaneo vede schiantarsi a terra – in controluce – il mito del my body my choice, perché se fosse vero tante di noi sarebbero riuscite a salvare i figli che ora sono in Cielo.

La fragilità è tremendamente onesta. Non facciamo miracoli, siamo piccoli, non siamo capaci di salvare neppure ciò per cui saremmo disposti a dare la vita. Dunque? Dunque si sta dentro questa obiezione e questo limite in pienezza di silenzio, che forse può farsi anche attesa … di una risposta che non sia il rimbombo della nostra voce.

Questo pezzo di vita reciso

Scopro che non posso compensare una perdita con altre fortune ricevute precedentemente, perché ogni progetto è un progetto unico e apporta un senso nella vita che non può essere sostituito con nessun sollievo.
E per quest , proprio per questo, ci sarà bisogno di molto tempo e di un rispettoso silenzio. Non per cancellare, ma per lasciare che questo pezzo di vita reciso e questo dolore, trovi il giusto posto nel nostro cuore e si posi, e riposi, senza l’ossessione dei milioni di perché che per ora ci inseguono pur sapendo che non otterranno mai la risposta che il nostro cuore meriterebbe. (da Francesca Barra – Instagram)

Usa il condizionale perché è gentile, Francesca. O forse non osa sperare. Il nostro cuore «meriterebbe» o «merita» una risposta? Merita. Anzi, forse il verbo meritare non è giusto ma il tempo indicativo presente sì. Possiamo dire che «implora» una risposta.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.