Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 03 Marzo |
Santa Teresa Eustochio Verzeri
home iconChiesa
line break icon

I 7 vescovi martiri del comunismo: Papa Francesco in Romania per beatificarli

POPE FRANCIS ROMANIA

ANDREAS SOLARO | AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 31/05/19

Oggi il clima è completamento diverso per i cattolici che rappresentano il 7% della popolazione

E’ iniziato ufficialmente oggi, 31 maggio, il viaggio di Papa Francesco in Romania. Che clima sta incrociando il Papa nel Paese dell’est Europa?

2000 preti e 2800 seminaristi

Francesco è arrivato in un paese dove i cattolici sono quasi 1 milione e mezzo su una popolazione di 19,6 milioni di abitanti, circa il 7%. Sono in crescita e molto attivi. Le parrocchie e i sacerdoti sono poco più di 2000, i vescovi 18. Lo stato di salute positivo della Chiea è attestato anche dai 2800 seminaristi, dai circa 10mila alunni che frequentano le scuole di proprietà ecclesiastica o religiosa. E poi sono ubicate sul territorio nazionale 150 strutture tra ospedali, ambulatori, case per anziani, orfanotrofi e asili.

La città dei martiri

I buoni numeri che sta toccando con mano grazie al calore ricevuto sin dall’approdo a Bucarest, fanno del viaggio apostolico in Romania una tappa importante per il dialogo ecumenico (con gli ortodossi, in modo particolare, 87% della popolazione), ma sopratutto per accendere i riflettori sulla “piccola Roma”, la città dei martiri: Blaj, dove il 2 giugno concluderà il viaggio apostolico.

[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m18!1m12!1m3!1d176835.8236881339!2d23.79076163659013!3d46.169466403460824!2m3!1f0!2f0!3f0!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x474bf816503558a7%3A0x8fe3d10dd56b66a5!2sBlaj+515400%2C+Romania!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1559303683624!5m2!1sit!2sit&w=600&h=450%5D

Il giorno delle manette

In questa occasione il Papa beatificherà sette vescovi greco-cattolici martirizzati sotto il regime comunista. quasi tutti arrestati nello stesso giorno, il 25 ottobre 1948, morti nelle prigioni comuniste e sepolti in fosse comuni per impedirne la memoria.


ST BARBARA,MARTYR

Leggi anche:
Le peggiori atrocità subite dai martiri

Le parole di Giovanni Paolo II

Furono una presenza costante anche nel viaggio a Bucarest di San Giovanni Paolo II, venti anni fa:

«Vengo ora – disse il Papa polacco nell’omelia dell’8 maggio 1999 nella cattedrale di San Giuseppe a Bucarest – dal cimitero cattolico di questa città: sulle tombe dei pochi martiri noti e dei molti, le cui spoglie mortali non hanno neppure l’onore di una cristiana sepoltura, ho pregato per tutti voi, ed ho invocato i vostri martiri e i confessori della fede, perché intercedano per voi presso il Padre che sta nei cieli. Ho invocato in particolare i Vescovi, perché continuino ad essere vostri Pastori dal cielo: Vasile Aftenie e Ioan Balan, Valeriu Traian Frentiu, Ioan Suciu, Tit Liviu Chinezu, Alexandru Rusu. Ho invocato anche il Cardinale Iuliu Hossu, che preferì restare con i suoi fino alla morte, rinunciando a trasferirsi a Roma per ricevere dal Papa la berretta cardinalizia, perché questo avrebbe significato lasciare la sua amata terra» (Aci Stampa, 30 maggio).

“Valori, la cui fonte è l’amore per il prossimo”

Un clima completamente diverso, quello che si respira oggi in Romania. Basti pensare alle parole del presidente rumeno Klaus Werner Iohannis, quando ha accolto Francesco: «Nelle chiese cattoliche di rito latino e orientale, nelle chiese ortodosse, in quelle di altri culti cristiani, così come nei luoghi di preghiera di altri culti riconosciuti dalla legge in Romania – ha detto – ci sono i valori la cui fonte è l’amore al prossimo, al quale Vostra Santità fa ogni volta appello».

«La condivisione di questo dono – ha sottolineato Iohannis – è il fondamento dei buoni rapporti tra i culti nel nostro Paese».




Leggi anche:
La nostra fede è la nostra vita: Romania. Gli anni del terrore

Tags:
martiripapa francescoromaniaviaggio papale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
2
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni