Aleteia
giovedì 22 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
For Her

Gucci "difende" le donne celebrando l'utero vuoto

MODEL UTERO GUCCI

Gucci - Youtube

GUcci Cruise 2020 Fashion Show

Paola Belletti - pubblicato il 31/05/19

Anche il brand Gucci butta il suo sdegno chic sul tavolo da gioco: la Georgia è contro l'aborto? Anche la Lousiana e l'Alabama? Allora la moda dice no! In nome della libertà della donna, ca va sans dire.

«Le donne vanno rispettate e considerate libere di scegliere quello che vogliono per il proprio corpo. Anche se è la scelta più difficile, quella di interrompere una gravidanza». Davanti a ciò che sta avvenendo negli Usa, dove, dall’Alabama alla Louisiana, sempre più Stati approvano leggi ed emendamenti per impedire l’aborto, neanche la moda può restare in silenzio. La pensa così Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci, che tra i suoi modelli scesi in passerella ai Musei Capitolini. (Il Messaggero)


GOVERNOR KAY IVEY

Leggi anche:
L’Alabama approva un disegno di legge per il bando totale dell’aborto

A parlare e postare così è il direttore creativo del Brand, Alessandro Michele. E per dirlo con il linguaggio della moda ha buttato in passerella, oltre a modelli e modelli in un disturbante continuum maschile-femminile sempre meno identificabili, un abito per celebrare l’utero, l’utero vuoto.

Siamo al Gucci Cruise 2020 Fashion Show, ai Musei Capitolini.

In passerella scorre come un fantasma del quale sfoggia sia il pallore sia la sottigliezza -che sembra quasi inconsistenza- una modella, vestita in un lungo abito bianco sul quale è ricamato un utero con i colori di una illustrazione anatomica: vuole essere un fiore. E’ l’utero come lo intende quest’uomo, cioè – a ben giudicare un oggetto sterile e ornamentale. E così  commenta:

Noi che facciamo moda è come se avessimo delle antenne – ha spiegato Michele – per quello che ci succede intorno. E l’utero delle donne, questo mistero che noi uomini possiamo immaginare, l’ho immaginato come un fiore. Interrompere una gravidanza non estirpa questo fiore (Ibidem).

Uteri immaginari, ventri immaginati: del bambino, nessuna traccia. Gli uteri e gli sguardi sono desolati.

Della donna che non sia ridotta a corpo di cui disporre (o far disporre) nessuna denuncia, nessuno a farsi scudo. Anche Roma, nell’immaginazione di quest’uomo, è un grande utero che tutti ci contiene. Ma quando ci partorirà?

Eppure c’era quasi: l‘utero è un mistero, la donna lo custodisce; l’uomo può contemplarne il prodigio. L’utero è un mistero perché la vita di ogni persona è un mistero. E il fiore divelto semmai è la vita tolta dalla sua prima decisiva dimora, non l’utero lasciato orfano del figlio. Ma poco importa; qua ciò che conta è il pensiero, l’immaginazione, sono i simboli, le sensazioni. Tutto intangibile, sussurrato, esclusi i profitti dell’industria della moda e l’approvazione, non so dire quanto monetizzabile, della religione del pensiero unico dominante, quello che ha nell’aborto il suo contro-sacramento principale.

Visualizza questo post su Instagram

A uterus is embroidered on a pleated long sleeve gown designed by @alessandro_michele, moments before the #GucciCruise20 fashion show at @museiincomuneroma in Rome. This piece reflects the Creative Director’s continuing vision of freedom, equality and self-expression. Since founding @chimeforchange in 2013—the global campaign that represents and advocates for gender equality—@gucci has a longstanding commitment to women and girls by funding projects around the world to support sexual and reproductive rights, maternal health, and the freedom of individual choice. Learn more about the global partners for sexual and family health rights the campaign is donating to in 2019, which can be found in @chimeforchange’s link in bio. #AlessandroMichele #MuseiCapitolini

Un post condiviso da Gucci (@gucci) in data:

Così in passerella sfilano blazer con slogan femministi degli anni Settanta “My body my choice” e capispalla con la data 22.05.1978, quella della legge 194 sull’interruzione volontaria della gravidanza. La maison dal 2013 è impegnata con la campagna Chime for Change per supportare i diritti sessuali e riproduttivi delle donne: perché, come ha spiegato su Instagram dopo la sfilata, «Nessuno può andare avanti se metà di noi viene trattenuta indietro».

Dire e ridire le stesse cose sulla menzogna mastodontica dell’aborto come diritto è estenuante eppure sempre necessario. In questo caso basterebbe stare un po’ all’aria aperta, incontrare visi reali, stare con donne, uomini, bambini veri e poi, di colpo, piombarsi a guardare le immagini di questa sfilata.

Sfido chiunque a reprimere una istintiva reazione di fastidio, angoscia e ripulsa. Donne e uomini magrissimi, pallidi, con sguardi così vacui da far dubitare di un livello seppur minimo di coscienza. Cosa c’è di veramente bello in un’estetica di questo tipo?


GUCCI FASHION

Leggi anche:
Gucci fa sfilare teste mozzate, Armani non ci sta. Perché l’anima ha bisogno di fiorire anche in un guardaroba autunno/inverno

Se è necessario essere addetti ai lavori per rendersene conto, significa che non è vera bellezza. Che sia necessario essere addestrati per apprezzare uomini ridotti all’anoressia che indossano gambaletti color carne dovrebbe interrogare molti. Così come la necessità di sbeffeggiare o dissacrare simboli cattolici (il velo da suora, ad esempio, a che pro?)

Invece, nella coerenza interna che ogni espressione artistica esige, ecco che nella proposta presentata ai Musei capitolini spicca un altro modello emblematico: la maglia con la data dell’approvazione della legge 194. La legge per la tutela sociale della maternità e (ci sarà un refuso, dovevano scrivere o. E’ evidente che sia un aut aut. O tuteli la maternità, proteggendo mamma e  bambino, aiutandoli entrambi, o permetti di interromperla legalmente) la legalizzazione dell’interruzione volontaria di gravidanza.

Va riconosciuto al mondo della moda, a parte di esso perlomeno, che sta già facendo tanto da tempo per permettere alle donne di evitare gravidanze indesiderate: l’amenorrea è conseguenza inevitabile di un indice di massa corporea troppo basso, si sa.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
abortomoda
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha ...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni