Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Conoscete questi 3 sacerdoti eroici morti durante la Guerra Cristera in Messico?

PRIESTS
Condividi

Uno di loro diede la vita per difendere il segreto della Confessione. Preghi oggi per noi!

La Guerra Cristera è tra i capitoli più oscuri della storia del Messico. Più di 90.000 Messicani perse la vita. I semplici cittadini che presero le armi per difendere la loro fede sono diventati noti come Cristeros.

Il 21 maggio 2000 Papa Giovanni Paolo II ha canonizzato 25 santi e martiri morti in quella guerra. Erano per la maggior parte sacerdoti cattolici, sei dei quali Cavalieri di Colombo.

Tra i Cristeros c’erano infatti più di 70 membri dei Cavalieri di Colombo che morirono combattendo per la loro fede e la loro libertà.

Ecco la breve storia di tre sacerdoti.

San José María Robles Hurtado

Nato nel 1888, entrò in seminario a 12 anni e venne ordinato sacerdote nel 1913. Era anche membro dei Cavalieri di Colombo, Consiglio #1979 (consiglio non attivo).

Amava essere sacerdote, e usava la dote di saper scrivere in modo eccezionale per elaborare opuscoli e libri su Gesù e sul suo Sacro Cuore. Aveva una devozione tale per il Sacro Cuore che alcuni si riferivano a lui come al “Folle del Sacro Cuore”.

Nel 1923 mobilitò migliaia di cattolici e li fece arrivare nel Messico centrale per erigere una croce gigantesca in onore di Gesù. Venne posta la pietra angolare, ma il Governo bloccò ogni iniziativa ulteriore. Quando il Presidente Calles arrivò al potere nel 1924 sapeva già del “Folle”, e non era disposto a far sì che la sua influenza anti-governativa facesse presa sulla popolazione.

Padre Hurtado stava guidando una famiglia nella preghiera in casa di quest’ultima quando i soldati sfondarono la porta a calci e lo arrestarono per aver “violato la legge”. Era il 25 giugno 1927. Venne immediatamente condannato all’impiccagione.

La mattina dopo, sotto una quercia, padre José Robles Hurtado si mise la corda intorno al collo di modo che nessuno fosse responsabile della sua morte. Perdonò i suoi aguzzini, e poi venne impiccato. Molti soldati piansero quando morì.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.