Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

In missione in Cina: la carità di Cristo passa anche dai miei strafalcioni

Gautier Willaume | Shutterstock
Condividi

Comunicare non è solo esprimersi correttamente, un giovane prete racconta come si può portare Dio anche faticando molto nell'apprendere una lingua complessa come il cinese.

di Gabriele Saccani

Come si fa a discernere in quel groviglio sonoro, come si fa a non percepirlo come una poltiglia o un ticchettìo di suoni di cui si capisce solo vagamente il significato? E quando finalmente si passa dal cinese pronunciato a quello scritto ci si scontra con l’esercito dei caratteri che si presenta ai nostri occhi come un invalicabile muro di spine.

Questa citazione del sinologo gesuita Claude Larre ci dà forse una vaga impressione di che cosa sia la lingua cinese per chi, come me, la approccia per la prima volta. Non nascondo che immergersi per ore nello studio di questi caratteri, riscrivendoli decine e decine di volte per memorizzarli, o esercitarsi nella pronuncia di una certa sillaba ha davvero il suo fascino e mi coinvolge.

Da quando sono nella nostra missione in Estremo Oriente, ogni giorno dedico almeno due ore allo studio personale del cinese, in aggiunta alle dodici ore settimanali di lezione presso il Centro di Lingue dell’Università Cattolica Fu Jen, a Taipei. Nonostante questo mio impegno assiduo, i progressi sono assai lenti. Dopo qualche mese di permanenza qui, mi aveva preso anche il timore dell’ipotesi “per sempre” in relazione a questa lingua che produce in me un forte handicap nella comunicazione. Di fatto, sono le umiliazioni l’aspetto più duro della lingua. Ciò che mi ha letteralmente salvato è stato il dialogo con i miei superiori e la ricerca del silenzio e della preghiera.

Di Pixel-Shot- Shutterstock

Ho scoperto che l’umiliazione produce l’umiltà solamente quando è accettata: altrimenti inacidisce e rende vuoti. Ho iniziato ad accettare questa lingua come un’offerta a Dio che cerco di rinnovare ogni mattina. Condividere con i fratelli in casa ciò che succede a lezione, ironizzando sugli errori miei e dei compagni, è un’altra strada per vivere con la giusta leggerezza questo impegno. Alle volte mischio cinese e inglese, suscitando in chi mi ascolta parecchia perplessità e qualche sorriso.

Anch’io ormai rido di gusto per i miei strafalcioni. Nella vicinanza della casa e dei superiori, e nell’affidamento lieto a Gesù, io vedo la risposta misericordiosa di Dio alla mia fatica. Essa si manifesta concretamente quando, andando dalla sarta per far rattoppare dei pantaloni, riesco a parlare con lei in cinese e a capire quello che mi dice… Incredibile! Comunicare non è solo una questione di linguaggio. Un maestro in questo è san Giuseppe Freinademetz, missionario in Cina, mio conterraneo. Sbarcato a Honk Kong, scopre che nessuno parla mandarino, la lingua che aveva studiato, ma solo cantonese: nessuno lo capisce quando parla. In una sua lettera, scrive che l’unico idioma comprensibile in quella terra è il linguaggio della carità e dell’amore. Stando qui, sto scoprendo che in verità le persone che incontriamo hanno bisogno, più che delle nostre parole, proprio della carità di Cristo, di cui possiamo essere segno.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA FRATERNITÀ SAN CARLO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.