Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 26 Febbraio |
Religiosa e Fondatrice
home iconStorie
line break icon

Il cane San Bernardo che salvò la vita di un bambino

POPE FRANCIS GENERAL AUDIENCE

Antoine Mekary | ALETEIA | I.MEDIA

Philip Kosloski - pubblicato il 28/05/19

Era rimasto intrappolato in una caverna di ghiaccio

Nell’XI secolo, San Bernardo di Mentone istituì un monastero-ricovero nella zona più pericolosa delle Alpi occidentali. Inizialmente si recò in quella regione per evangelizzare quanti vivevano sulle montagne, ma presto fondò delle strutture per ospitare i pellegrini che passavano di lì nel loro viaggio verso Roma.

Molte sono state le vite salvate da San Bernardo e dai suoi monaci, che ancora oggi assistono sulle Alpi viaggiatori e scalatori.

Nel XVII secolo, i monaci usavano una razza particolare di cani dotati di un olfatto molto sviluppato che permetteva loro di ritrovare le persone e la cui forza faceva sì che riuscissero ad aiutare chi si trovava in una situazione di necessità. Questi cani vennero chiamati “San Bernardo” in onore del santo che aveva fondato i monasteri.

Per molti decenni, i cani hanno aiutato a salvare vite umane, e ce n’è uno in particolare che è diventato una leggenda nelle Alpi.

Si chiamava Barry, e visse nel monastero dal 1800 al 1812. I registri locali indicano che salvò più di 40 persone dalla morte, trovandole e portandole in salvo.

Una storia racconta che un giorno, durante una terribile tempesta, Barry trovò un bambino abbandonato in una caverna di ghiaccio. Il cane lo leccò per svegliarlo. Il piccolo gli si aggrappò, e Barry lo portò al monastero. Il bambino si riprese completamente e tornò poi dai genitori.

I monaci hanno continuato a usare i cani per molti decenni, fino all’avvento di nuove tecnologie, come gli elicotteri. Il monastero è ancora attivo e pronto ad assistere chiunque si trovi nella zona.

Tags:
bambinicanemontagnasalvataggioSanti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
6
FAUSTINA
don Marcello Stanzione
I Cherubini e l’Inferno: le visioni degli angeli di santa Faustin...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni