Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il cane San Bernardo che salvò la vita di un bambino

POPE FRANCIS GENERAL AUDIENCE
Antoine Mekary | ALETEIA | I.MEDIA
Condividi

Era rimasto intrappolato in una caverna di ghiaccio

Nell’XI secolo, San Bernardo di Mentone istituì un monastero-ricovero nella zona più pericolosa delle Alpi occidentali. Inizialmente si recò in quella regione per evangelizzare quanti vivevano sulle montagne, ma presto fondò delle strutture per ospitare i pellegrini che passavano di lì nel loro viaggio verso Roma.

Molte sono state le vite salvate da San Bernardo e dai suoi monaci, che ancora oggi assistono sulle Alpi viaggiatori e scalatori.

Nel XVII secolo, i monaci usavano una razza particolare di cani dotati di un olfatto molto sviluppato che permetteva loro di ritrovare le persone e la cui forza faceva sì che riuscissero ad aiutare chi si trovava in una situazione di necessità. Questi cani vennero chiamati “San Bernardo” in onore del santo che aveva fondato i monasteri.

Per molti decenni, i cani hanno aiutato a salvare vite umane, e ce n’è uno in particolare che è diventato una leggenda nelle Alpi.

Si chiamava Barry, e visse nel monastero dal 1800 al 1812. I registri locali indicano che salvò più di 40 persone dalla morte, trovandole e portandole in salvo.

Una storia racconta che un giorno, durante una terribile tempesta, Barry trovò un bambino abbandonato in una caverna di ghiaccio. Il cane lo leccò per svegliarlo. Il piccolo gli si aggrappò, e Barry lo portò al monastero. Il bambino si riprese completamente e tornò poi dai genitori.

I monaci hanno continuato a usare i cani per molti decenni, fino all’avvento di nuove tecnologie, come gli elicotteri. Il monastero è ancora attivo e pronto ad assistere chiunque si trovi nella zona.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.