Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
San Matteo
home iconSpiritualità
line break icon

I tuoi schemi religiosi ti stanno imprigionando?

SEKTA RELIGIJNA

Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 27/05/19

Le abitudini mi danno stabilità. La routine mi salva. Ciò che è costante mi calma. Quando vivo senza stabilità mi perdo e corro il pericolo di vivere fuori dal mio centro.

Do un enorme valore alle persone capaci di fare della terra che calpestano la loro casa. Gettano radici con facilità ovunque arrivano. Si radicano senza paura di doversene un giorno andare.

Piangono per quello che hanno perduto quando lo perdono. Ma tornano ad amare, a stabilirsi. Mi piace quello sguardo sulla vita. Non si alterano quando sentono di aver perduto routines sacre. Ricominciano da zero, creando nuove abitudini.

Nella mia ricerca di Dio voglio essere capace di abbandonare le routines inserite nel mio cuore per imparare forme nuove che mi rendano capace di vivere il presente con allegria.

Mi adatto alle novità. E quell’adattamento mi fa crescere. Divento flessibile. Gioisco di tutto quello che Dio mi dà. Non mi attacco in modo malato alle mie sicurezze.

Mi lascio indietro il porto sicuro addentrandomi in quel mare profondo che mi inquieta. Mi manca coraggio. E saper soffrire. Saper amare.

Sapermi ancorare e poi togliere l’ancora. Smettere e ricominciare. Senza pretendere che tutto sia sempre uguale. Che le abitudini si mantengano ad ogni costo.

Voglio un cuore libero per vivere in pace in ogni circostanza. Lasciare indietro quello che mi pesa e ricominciare. È la gioia di chi sa che la sua vita va donata. Mi piace quell’atteggiamento.

Ma non sono sempre aperto e flessibile. Spesso mi vedo a criticare chi fa le cose in modo diverso. Chi non la pensa come me. Chi preferisce cose differenti.

Giudico e condanno chi mette in discussione le mie abitudini e le mie routines, i miei punti di vista. Mi sento ferito quando fanno tremare il mio mondo di sicurezze.

Accetto che le cose non si facciano come credo sia meglio? Aderisco con facilità a quello che pensano gli altri anche se il loro pensiero è diverso dal mio?

Mi vedo rigido. Legato alle mie idee e alle mie convinzioni. Molte di queste convinzioni sono limitanti. Vedo che mi costano le novità apportate dai giovani. Anziché rallegrarmi della nuova vita che vedo nelle loro proposte.

Credo che tutto non sia più com’era prima, e mi spaventa pensare in questo modo tanto rigido. Riporto alla luce gli antichi insegnamenti. Per giustificare i miei punti di vista e scartare come non validi i nuovi cammini.

È forse per questo che mi sorprende quella prima Chiesa tanto flessibile e libera. Rinuncia a qualcosa di sacro perché vede che non si può imporre a quanti vengono dal mondo pagano. Non devono essere circoncisi.

A volte mi aggrappo alle frasi di Gesù e le rendo rigide. Le interpreto fuori dal contesto, fuori dal tempo. E mi servono per difendere tutti i miei atteggiamenti. Faccio lo stesso con le frasi dei santi. Non sono solo rigido nell’accettare i cambiamenti, ma giustifico anche il mio atteggiamento. In questo modo mi sento migliore, più in Dio.

Percorrendo la Terra Santa mi colpisce come certi abitudini diventino così rigide da non permettere alcun cambiamento nei luoghi santi. La mia Chiesa è oggi più rigida di allora?

Lo Spirito Santo soffia dove vuole e risveglia nuova vita in tutto ciò che tocca. Così è la vita che viene da Dio. Non è qualcosa di solido come una roccia. Ha la vita di un fiume che acquisisce nuove forme e profondità.

[1] Elizabeth Gilbert, Mangia, prega, ama
[2] Elizabeth Gilbert, Mangia, prega, ama

  • 1
  • 2
Tags:
prigionereligione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni