Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Elezioni europee in Italia? Ha stravinto Salvini

SALVINI
MIGUEL MEDINA | AFP
Condividi

Si ribaltano i rapporti di forza nel Governo Conte, con i due partner molto sopra e molto sotto i sondaggi. Il PD resiste, i neoradicali della Bonino restano a casa, tonfo dei popolari.

Il modo migliore per analizzare una elezione è partire dai dati, solo attraverso quelli è possibile dire chi ha vinto e chi ha perso, chi è sopravvissuto e chi sostanzialmente muore, politicamente parlando. Non c’è dubbio alcuno che ci sia un grande vincitore che è Matteo Salvini e la sua Lega, e che ci sia un grande sconfitto che è Luigi di Maio e il Movimento 5 Stelle. Il quadro si complica parecchio quando si considera che i due governano assieme nell’effimero esecutivo a guida Giuseppe Conte. Come si spiega? Ci arriveremo, ma intanto osserviamo quel dato a cui alludevamo: i voti. Rispetto al 2018 è andata così.

Ma la partita diventa ancora più chiara se si confrontano i dati del 2019 con le elezioni europee del 2014. Qui il travaso di voti è ancora più evidente e certifica che tutte le forze maggiori hanno perso voti e che questi sono stati intercettati in larga misura da Salvini e – in misura minore ma percepibile – da Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni.

Il Centrodestra dei tempi d’oro di Berlusconi si può dire che è ormai archiviato, l’ipotesi di un governo dei “nazional-sovranisti” (Lega+Fratelli d’Italia) è alla portata dei due leader politici. Crescono entrambi, ed è una cosa non scontata, molti pensavano che i due partiti, lottando spesso nello stesso campo, si potessero pestare i piedi a vicenda, ma i dati dicono altro, l’affluenza bassa probabilmente li sovrastima (più bassa di un punto e mezzo circa) ma l’avanzata in termini di voti reali è lì, certificata dai dati. L’Italia s’è destra.

L’altro dato è che il PD è sempre di più il partito dei centri storici ad alto reddito e alta alfabetizzazione, la Lega si radica nelle periferie a basso reddito e bassa scolarizzazione. Della tradizionale presa della sinistra sui ceti popolari non c’è traccia, perché – in effetti – a loro non dice più nulla da tempo. E si vede nei risultati e nella loro distribuzione. Gauche caviar.

La Lega di Salvini

Ormai la Lega è Salvini, la sua presenza debordante sui social, in TV, nel governo (dove si occupa e mette bocca su tutto) ha pagato in termini elettorali è diventato il nemico da battere e quindi ha polarizzato lo scontro: in una competizione proporzionale questo ha pagato e si porta a casa il 34% dei voti validi e – cosa non secondaria – l’ennesimo trionfo locale (ancora da certificare), la vittoria alle regionali de Piemonte. L’ultima roccaforte del centrosinistra al Nord è caduta, il PD resiste (e anzi avanza) solo nelle grandi città, ma non basta. Salvini vince su tutti: giornali, intellò, partiti alleati e nemici. Vince come uomo forte al comando, che parla come mangia (male stando alle foto di Instagram) ma che si fa capire e sa trasmettere un messaggio forte, che si può riassumere con il classico slogan leghista delle origini: padroni a casa propria. Il migrante è il nemico da fronteggiare, poco importa che sia un pezzente, è pericoloso in sé. Le ONG e il Terzo Settore sono i fiancheggiatori, poco importa se – ad esempio – la Caritas dia da mangiare in larga parte agli italiani che non arrivano a fine mese. L’Europa è il nemico più forte, ma anche quello contro cui il Capitano non ha speso parole altrettanto nette, lo sa che in realtà le cose saranno assai più complicate. A Giugno scatteranno il blocco delle rivalutazioni delle pensioni, la revisione degli 80 euro, e poi in Autunno la finanziaria dovrà disinnescare parecchi miliardi di euro di clausole IVA. Visto che il dominus del Governo adesso è lui, toccherà a lui dare delle indicazioni. Voluta la bici, si pedali.

La crolla la sinistra variamente intesa

Il PD di Nicola Zingaretti esiste, nel senso che il risultato è il certificato di non-sparizione. C’è un blocco di 6 milioni di voti che resiste, il neosegretario li ha mobilitati tutti, l’emorragia è contenuta e sotto la media dell’astensione. Di questi tempi 120 mila voti sono tanti ma non cruciali. Il nuovo stato maggiore del PD potrà dire che il partito è avanzato rispetto alle politica (dal 18 al 22%) in termini relativi, ma come dicevamo semplicemente ha confermato quei voti, di sicuro potrà crescere alle politiche, ma per ora è stasi e al massimo può ringraziare il rientro degli scissionisti guidati da Bersani, MdP era nel listone. Alla sua sinistra sparisce la sinistra radicale, il listone di Fratoianni (ex Leu) e Rifondazione Comunista fa un misero 1.7%, la scissione dai bersanian-dalemiani ha pagato, lontanissimi dal risultato del 2014 entrambe le formazioni di fatto dimezzate: dal 40% al 22 il PD, dal 4% a meno del 2 la sinistra radicale che non trova pace, cambiando nome, leadership e composizione praticamente ad ogni elezione nazionale. Senza pace.

Il Movimento 5 Stelle

Ormai sarebbe il movimento 2 stelle e mezzo, mai così in basso in una elezione nazionale, relegati a terzo partito con un misero 16%, l’ambiguità dei grillini, il loro guardare prima a destra, poi a sinistra, senza una identità precisa accanto ad un alleato prepotente, ma con le idee chiare, non sono stati in grado di imbroccare una sola idea vincente: qualcuno sa quale fosse l’idea dei 5 Stelle per l’Europa? Nessuno, e tanti hanno preferito infatti votare per chi una idea ce l’aveva: contro la UE? Con Salvini. Per la UE? Col PD. L’ignavia è un peccato grave del resto, e i flussi elettorali sono chiari: dimezzamento dei voti, tanti sono rimasti a casa, tanti sono andati altrove.

I partiti rimasti fuori

Anche qui ci sarebbe da dire che c’è chi cresce e chi non è cresciuto abbastanza. Il più grosso tra gli sconfitti è il partito di Emma Bonino,+Europa, passato dal 2.5% delle politiche al 3.09% di ieri,  nonostante i contributi ricevuti e una campagna spesso impegnata più a contendere i voti al PD che a spiegare perché votarli, non arriva al 4%. Nel gruppo europeo dell’ALDE non ci saranno italiani pare. In crescita in maniera inaspettata i Verdi, al 2.9% (mancavano da tempo alle elezioni) e il micro partito comunista di Rizzo che rosicchia uno 0.88% che rappresenta per loro un avanzamento importante, raddoppiando i voti assoluti rispetto alle politiche. Contenti loro. Al palo invece il Popolo della Famiglia di Mario Adinolfi che soffre la concorrenza della lista di Mario Mauro, Popolari per l’Italia e non riesce a confermare i voti delle politiche. Insieme raggiungono lo 0.7%, segno che per le famiglie tradizionali della politica italiana la situazione è complicatissima. Le forze afferenti al PPE (quelle che esplicitamente lo richiamavano nel simbolo) arrivano a stento al 10%, per lo più con il rachitico risultato di Forza Italia che si pianta all’8.8%, debacle per il Cavaliere che però “almeno” torna in Parlamento. A Bruxelles però.

La CEI sta alla finestra

Il risultato del PPE in Italia è in fondo il risultato della CEI, cioè dei Vescovi italiani e della loro capacità di influenzare direttamente o indirettamente il voto. Nonostante (o a causa?) l’intenso fuoco di fila da parte di molte personalità pubbliche della Chiesa che pure aveva fatto capire di non gradire una Lega debordante (cioé oltre il 30%), nulla è stato possibile. Del resto dal referendum sul divorzio in avanti, la presa dell’episcopato sull’elettorato italiano si è fatto via via più fragile e nonostante la Lega non voglia toccare nessuno dei temi sensibili cari al Magistero (Aborto, unioni civili, divorzio, stanno lì e lì rimarranno, lo ha detto Salvini) addirittura ampliando certi temi cari ai radicali (la Lega va matta per la legalizzazione della prostituzione) o altri che davvero difficilmente si conciliano con il Vangelo (riforma della legittima difesa, del porto d’armi) o con la giustizia sociale (tagli delle tasse ai ricchi), sicuramente hanno incassato voti di chi si definisce o si sente cattolico. Un paese pagano?

E adesso?

In Italia il Governo potrebbe continuare, ma prima o poi Salvini vorrà capitalizzare anche in patria questa crescita, le elezioni anticipate sono più vicine. In Europa invece la situazione è questa:

Il blocco bipartitico dei socialisti e dei popolari europei non è più in grado di formare una maggioranza autonoma, entreranno quasi sicuramente i liberali pro-austerità dell’ALDE, al loro massimo storico (100 deputati, mai così tanti). Neppure è possibile una alleanza tra le forze euroscettiche e i popolari come pure qualcuno aveva ipotizzato, non ci sarà dunque né un governo di “centrodestra” (PPE ed euroscettici) né di “centrosinistra” (PSE, Sinistra, Verdi): entrambe le compagini non raggiungono la maggioranza assoluta nell’emiciclo. Unica opzione (salvo stravolgimenti) è quella neocentrista, come dicevamo, tra le tre grandi formazioni tradizionali.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.