Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 02 Febbraio |
Presentazione del Signore e Purificazione della Vergine
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

L’“Apostolo degli Abbandonati”, un santo per tutti coloro che assistono qualcuno

WEB3-SAINT-GIOVANNI-BATTISTA-ROSSI-Fair-Use

Fair Use

Larry Peterson - pubblicato il 24/05/19

San Giovanni Battista de' Rossi lottò contro l'epilessia ma andò avanti con coraggio

Giovanni Battista de’ Rossi nacque il 22 febbraio 1698 a Genova. I genitori erano piuttosto poveri a livello di beni materiali, ma ricchi di virtù e amore per il prossimo. Giovanni era l’ultimo di quattro figli, e già da bambino dimostrò non solo compassione e amore per la gente, ma anche un’intelligenza superiore alla media. Quando aveva 10 anni i suoi genitori gli permisero di andar via di casa con degli amici di famiglia per ricevere un’istruzione.

Tre anni dopo il padre di Giovanni morì. Il cugino più grande, Lorenzo de’ Rossi, gli permise di andare a vivere con lui a Roma. Lorenzo era canonico della chiesa di Santa Maria in Cosmedin e riuscì a farlo ammettere al Collegio Romano sotto la guida di Gesuiti. Giovanni divenne presto un allievo modello. Studiava diligentemente e svolgeva i compiti che gli venivano assegnati, essendo al contempo sempre pio e umile.

Il ragazzo iniziò a studiare anche Filosofia e Teologia al Collegio Domenicano di San Tommaso. Fu allora che, mentre era a Messa, svenne. Si scoprì che aveva avuto un attacco epilettico. La malattia gli fece saltare molte lezioni, e a volte era così affaticato da riuscire a malapena a muoversi. La lotta contro questa malattia divenne per lui una sfida costante.

Aderì poi al Sodalizio della Beata Vergine, guidando gli altri membri nelle letture e organizzando visite ai malati negli ospedali, nutrendo i poveri e i senzatetto e svolgendo altre opere di misericordia. Era questo che amava più di tutto: aiutare i poveri, i senzatetto e gli oppressi.

Giovanni Battista de’ Rossi voleva disperatamente diventare sacerdote, ma la sua epilessia rappresentava un enorme ostacolo. L’ordinazione sacerdotale era concessa raramente a una persona nelle sue condizioni, visto che la vita del presbitero era estremamente esigente, ma lui lavorò e studiò con una diligenza tale da ottenere una dispensa. L’8 marzo 1721 venne ordinato sacerdote.

Lavorò quindi a Roma, prendendosi cura dei senzatetto che vagavano per le strade della città. Si faceva carico delle necessità dei malati e aiutava le donne senza una casa a trovare un alloggio. Aiutava poi i carcerati, i lavoratori e toccò letteralmente migliaia di persone bisognose. Di giorno si dedicava ai malati poveri ricoverati negli ospedali romani, di notte assisteva i senzatetto in un rifugio. E tutto questo per più di 40 anni.

Nel 1738 Giovanni si ammalò di una malattia ignota e fu mandato a Civita Castellana, dove il vescovo insistette per fargli ascoltare le Confessioni. Giovanni aveva fatto del suo meglio per evitare il confessionale, temendo fortemente di avere un attacco epilettico mentre confessava. Il presule, però, conoscendo la sua cultura e la sua moralità, insistette, e gli diede il permesso di ascoltare Confessioni in ogni chiesa di Roma.

Padre Giovanni Battista iniziò ad ascoltare Confessioni ogni giorno, soprattutto da parte dei poveri negli ospedali e per strada. Ben presto iniziò a predicare in chiese, cappelle, conventi, ospedali, baraccopoli e prigioni. Divenne noto come l’“Apostolo degli Abbandonati” e fu definito un secondo San Filippo Neri.

Nel 1763 iniziò ad essere lentamente attaccato dalla paralisi. Morì il 23 maggio 1764.

Venne sepolto nella chiesa della Trinità dei Pellegrini sotto l’altare della Beata Vergine Maria. Dopo la sua morte ci furono vari miracoli, ma per via delle sollevazioni politiche in Europa la beatificazione venne rimandata. Il 13 maggio 1860 Papa Pio IX lo beatificò. L’8 dicembre, festa dell’Immacolata Concezione, fu canonizzato da Papa Leone XIII.

Una piccola nota: chi si prende cura di qualcuno prende questo santo come modello. Prima di parlare ai morenti della salvezza, faceva tutto ciò che poteva per alleviare la loro sofferenza. Nulla, neanche condizioni che avrebbero potuto far allontanare molti, gli ha impedito di offrire loro assistenza e consolazione.

San Giovanni Battista de’ Rossi, prega per noi!

Tags:
assistenzasanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni