Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nella tua vita c’è un mistero da far sbocciare

Aleshyn_Andrei | Shutterstock
Condividi

Nel terreno dove siamo piantati possiamo fiorire: stare dove siamo, accettare chi siamo, è una sfida all'altezza di chi ha una missione.

Quella frase lì, “non restare dove non fiorisci”, è una mezza verità, come sono tante le mezze verità che ci raccontiamo e vengono divulgate ogni giorno su qualsiasi piattaforma… dalla cellulite che è una malattia da debellare, al nostro mento che avrebbe dovuto esser disegnato diversamente, al vittimismo dietro al quale è giusto che ruotiamo tutto il giorno.

Leggi anche:
Bella, perché amata

La capacità di fiorire è dentro di noi, noi siamo quel seme perfetto, così com’è stato pensato. I terreni non sono tutti uguali, e questo è vero, ma puntare al terreno giusto significa già cominciare a fiorire. E la nostra scelta non è irreversibile, possiamo passare dalle spine alla terra buona, perché dentro di noi abbiamo il dono della scelta, della libertà. Possiamo coltivare il perdono o il rancore. Osservarci con severità o con Amore. Aprirci alla Vita con timore o con speranza. Guardare al nostro futuro come una missione o un’angoscia.
Fiorisci dove sei piantato, questa è la verità. Abbiamo le armi per combattere le intemperie, possiamo affidarci a Qualcuno che curerà la nostra Vita nel dettaglio, nei più piccoli bisogni. Possiamo rendere fertile un luogo aspro e sterile, lasciando che l’Acqua che mai si esaurisce ci innaffi. I girasoli puntano al sole, sempre. Che piova o che sia nuvoloso cercano di dirigere tutto il loro corpo verso il punto in cui, la loro saggezza glielo suggerisce, prima o poi, spunterà almeno uno spiraglio di Sole.
Stare dove siamo, accettare chi siamo, questa sì che è una sfida bella grossa all’altezza di chi ha una missione. Perché, ricordiamocelo, cambiare le carte in tavola, fuggire, nascondersi, non fa fiorire un bel niente. Mettersi in gioco con quello che si ha e si è, affidarsi alla corrente della nostra Vita, alla certezza che qualsiasi cosa succeda, lo sguardo può essere rivolto al Sole, questo porta frutti in noi.
 Osserviamo bene il luogo dove ci troviamo, le nostre relazioni, la nostra casa, il lavoro, la nostra anima. Quei luoghi potrebbero divenire un giardino, se accettiamo la sfida di starci.

QUI IL LINK ORIGINALE PUBBLICATO DA IL PESO SPECIFICO DELLE PAROLE

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.