Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Una testimonianza potente sul perdono dopo l’aborto

FORGIVENESS
Shutterstock/Surasak Ch
Condividi
di Leslie Rodriguez

È facile pensare all’aborto in termini astratti. Se ne parla associando la questione a leggi e agende legali, ed è facile dimenticare che in mezzo a questi dibattiti ci sono persone e vite reali. Sono a rischio sia la vita del bambino non nato che quella della madre.

La distruzione della vita del bambino è ovvia, ma l’impatto sulla vita della madre passa spesso inosservato.

Ho ritenuto utile dare un volto a queste lotte, e questo video fa esattamente questo.

Quando aveva vent’anni, Yvonne ha scelto di abortire… cinque volte. Sono state decisioni dettate dall’impotenza, e ben presto si è ritrovata a voler porre fine alla propria vita.

Nell’oscurità, però, Dio l’ha salvata.

Questo video fa parte di una serie più ampia che affronta il significato della sofferenza e la presenza di Dio in mezzo ad essa

Qui l’articolo originale pubblicato da Catholic Link.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.