Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 23 Ottobre |
San Giovanni da Capestrano
Aleteia logo
home iconSpiritualità
line break icon

La voce che calma davvero la solitudine (mia e degli altri)

SECRET WHISPERING

Wavebreakmedia I Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 21/05/19

Importa la mia capacità di amare e donarmi. L’amore che diventa donazione è quello che vale. Come quello di Gesù che perdona sulla croce.

È l’amore umano in lacrime quello che guarisce e purifica davvero. L’amore che si fa carico di chi è caduto, di chi è ferito.

Quando mi avvicino a chi è ferito diventa prossimo. Smette di essere lontano. Mi importa. E allora non contano più il tempo e lo sforzo.

L’amore vero non misura, semplicemente si dona. Non tiene i conti, rispetta. Non aspetta, semplicemente ama. E dà tutto in cambio di niente.

Perché Dio è così con me. Mi ama alla follia e senza aspettarsi niente da me. Non vuole che io sia perfetto, o che faccia tutto bene. Vuole solo la risposta timida del mio piccolo amore. Per questo mi porta nel deserto per sedurmi.

Osea 2, 16-17: “Perciò, ecco, la attirerò a me, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore”; “Là canterà come nei giorni della sua giovinezza”.

Così fa Gesù con la mia anima. Mi conduce nel deserto per rinnovare l’amore della mia gioventù. Il mio primo amore.

E al contempo mi fa addentrare nelle acque del fiume o nel mare agitato per chiedermi di confidare, di non temere, per dirmi che mi ama come suo figlio prediletto.

Questo mi basta per poter amare chi mette sul mio cammino. Basta per resistere nel deserto alla sete e alla solitudine.

Per questo mi confortano le parole di padre Josef Kentenich: “La filialità ci aiuta a sviluppare una singolare sicurezza istintiva e una capacità di indovinare le cose. Ci permette di identificare con sorprendente sicurezza la voce del Padre del cielo tra milioni di altre voci che ci interpellano cercando di sedurci” [1].

Nelle acque del Giordano ho imparato ad essere figlio. Riconoscendo la sua voce tra tante. Abbracciando il suo corpo ferito.

Dio mi porta nel più profondo della mia anima. In mezzo al deserto la sua voce mi seduce. La riconosco. Non voglio dubitare del fatto che stia bussando alla mia porta per farsi aprire. Aspettando davanti alla mia porta chiusa.

Le altre voci non mi seducono più. Non mi lascio tentare dai canti di sirena che promettono quello che non possono darmi.

Credo nella voce del Padre, del pastore delle pecore, dell’amante ferito. Quella voce che mi solleva al di sopra delle mie paure e delle vertigini. Mi tira fuori dalla prostrazione. Mi porta accanto al suo cuore ferito.

E lì mi sostiene affondandomi nelle acque della sua misericordia. E placa la mia sede quando vago perduto nella sabbia del deserto.

Dio mi ha condotto fin lì per sedurmi. È il suo sguardo che mi trapassa. Il suo amore vero che prende tra le braccia il mio corpo ferito, la mia anima piagata, per guarirmi.

È Lui che viene da me. Riconosco i suoi passi e la sua voce. E la sua vita diventa pace in mezzo al mio cammino. E provo meno sete, e ho meno paura. E confido nel fatto che Egli sia capace di cambiare il mio cuore e di riempire il mio sguardo.

[1] J. Kentenich, Un paso audaz: El tercer hito de la familia de Schoenstatt, Rafael Fernández

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
solitudinevoce
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni