Aleteia
martedì 20 Ottobre |
San Paolo della Croce
Spiritualità

La voce che calma davvero la solitudine (mia e degli altri)

SECRET WHISPERING

Wavebreakmedia I Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 21/05/19

Non mi seducono più altre voci, non mi lascio tentare dai canti di sirena che promettono quello che non possono darmi

Il deserto e la sete. Il lago e il torrente. L’anima anela al cielo e si trascina sulla terra. Come dice una canzone, “come la cerva anela ai corsi d’acqua, così l’anima mia anela a te, o Dio”.

Ho sete nell’anima e cerco fonti che la plachino, correnti d’acqua. Ho una sete profonda che nulla riesce a placare. Sete di un’acqua pura che riempia tutto dentro e calmi le mie ansie per sempre.

Voglio un mare dentro di me. Non fuori. Voglio un’acqua viva che calmi per sempre la mia inquietudine. Un pozzo la cui acqua non smetta mai di scorrermi nell’anima.

E mi addentro nel deserto cercando correnti d’acqua. Tra le rocce. Sotto un calore asfissiante. Quello stesso deserto che ha percorso Gesù. Così vicino a Gerico, così vicino al fiume Giordano.

Il deserto mi appare pieno di cerve che cercano correnti d’acqua. Pieno di grotte nascoste nella sabbia in cui l’anima affronta la solitudine più fredda, più dolorosa. Sentendo il silenzio passato. Camminando con incertezza e paura.

E provo una sete che mi fa male dentro. È quella sete di un’acqua che possa placare il fuoco che mi brucia le ossa. In mezzo a un deserto tanto vicino al fiume.

È duro quel calore pieno di voci in mezzo alla sabbia. Voci di Dio che sussurrano risposte. Altre voci del demonio che insinuano tentazioni. Nel deserto il mio cuore dubita di tutto.

Accanto al fiume sentivo il calore dell’amore di Dio. La pienezza dello Spirito. La luce del sole e il cielo aperto. L’acqua che riempie il mio pozzo vuoto, irrigando la mia terra arida e sterile.

Nel fiume avevo meno paura e più pace. Più allegria repentina. Più abbracci stretti. Ma nel deserto la sabbia ardente nell’anima, sui piedi, fa male. E le pietre feriscono la mia pelle stanca.

E mi vedo solo tra i venti che solcano la sabbia… Come posso seguire le orme di Gesù amando per le strade quando distinguo appena i suoi passi?

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
solitudinevoce
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni