Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La voce che calma davvero la solitudine (mia e degli altri)

SECRET WHISPERING
Condividi

Non mi seducono più altre voci, non mi lascio tentare dai canti di sirena che promettono quello che non possono darmi

Il deserto e la sete. Il lago e il torrente. L’anima anela al cielo e si trascina sulla terra. Come dice una canzone, “come la cerva anela ai corsi d’acqua, così l’anima mia anela a te, o Dio”.

Ho sete nell’anima e cerco fonti che la plachino, correnti d’acqua. Ho una sete profonda che nulla riesce a placare. Sete di un’acqua pura che riempia tutto dentro e calmi le mie ansie per sempre.

Voglio un mare dentro di me. Non fuori. Voglio un’acqua viva che calmi per sempre la mia inquietudine. Un pozzo la cui acqua non smetta mai di scorrermi nell’anima.

E mi addentro nel deserto cercando correnti d’acqua. Tra le rocce. Sotto un calore asfissiante. Quello stesso deserto che ha percorso Gesù. Così vicino a Gerico, così vicino al fiume Giordano.

Il deserto mi appare pieno di cerve che cercano correnti d’acqua. Pieno di grotte nascoste nella sabbia in cui l’anima affronta la solitudine più fredda, più dolorosa. Sentendo il silenzio passato. Camminando con incertezza e paura.

E provo una sete che mi fa male dentro. È quella sete di un’acqua che possa placare il fuoco che mi brucia le ossa. In mezzo a un deserto tanto vicino al fiume.

È duro quel calore pieno di voci in mezzo alla sabbia. Voci di Dio che sussurrano risposte. Altre voci del demonio che insinuano tentazioni. Nel deserto il mio cuore dubita di tutto.

Accanto al fiume sentivo il calore dell’amore di Dio. La pienezza dello Spirito. La luce del sole e il cielo aperto. L’acqua che riempie il mio pozzo vuoto, irrigando la mia terra arida e sterile.

Nel fiume avevo meno paura e più pace. Più allegria repentina. Più abbracci stretti. Ma nel deserto la sabbia ardente nell’anima, sui piedi, fa male. E le pietre feriscono la mia pelle stanca.

E mi vedo solo tra i venti che solcano la sabbia… Come posso seguire le orme di Gesù amando per le strade quando distinguo appena i suoi passi?

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.