Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La creatività è (anche) femmina: radiazioni TAC ridotte della metà grazie a 2 donne ingegnere di Napoli

D'ANTO' E CARACOì
MICHELA D'ANTÒ E FEDERICA CARACÒ
Condividi

Michela D'Antò e Federica Caracò hanno vinto il Primo premio con il massimo dei voti della giuria tecnica per la seconda edizione del Health technology challenge, svoltosi a Catanzaro.

L’Health Technology Challenge (HTC) è un’iniziativa per mettere mano con approcci innovativi ai tanti problemi che affliggono a volte sembra irrimediabilmente il nostro sistema sanitario. Come possiamo agire meglio, spendendo meno e con maggiore efficacia a beneficio dei pazienti?

Tra i 162 progetti presentati ad aggiudicarsi il Primo premio assoluto sono state Michela D’Antò e Federica Caracò, della Fondazione Pascale la prima e dell’Università Federico II la seconda.

Sono due donne ingegnere e questa combinazione, pare, abbia sortito risultati superbi. Anzi no: pratici, utili a molti, geniali. Femminili? Nessun problema con gli stereotipi, da queste parti. Ma sono anche altre voci (di solito impegnate a sottolineare con matite puntute differenze tra i due sessi dimenticando forse l’alleanza di fondo) ad attribuire ai benefici tratti di questo progetto fattezze muliebri:

Il loro progetto garantisce una buona qualità di immagini con maggior sicurezza e minor invasività, riducendo del 40-60% la dose di radiazioni. Fare meglio con meno, roba, da sempre, di femmine. (Labodif)

Il grassetto è mio; il testo della pagina Laboratorio delle differenze

Il premio è stato consegnato durante il XIX Congresso dell’Associazione nazionale degli ingegneri clinici (AIIC) che si è svolto a Catanzaro. Le due ingegnere di Napoli, Michela D’Antò, della Fondazione G. Pascale e Federica Caracò, dell’Università degli studi Federico II, hanno ottenuto il massimo punteggio della giuria tecnica e popolare con il progetto “Valutazione di un protocollo per la verifica delle funzionalità di un sistema di riduzione della dose installato su tomografi assiali computerizzati”. (Huffington)

Chissà se a loro, come pay off della loro invenzione, starebbe più a genio un ormai classico more is less o qualcosa di più partenopeo! Non importa. Conta il cuore di questo progetto che consiste nell’elaborazione di:

un protocollo per ridurre del 40-60% l’esposizione garantendo una buona qualità dell’immagine. Si tratta di un algoritmo che permetterà il collaudo di macchine di varie aziende e in diversi modelli in modo da poter effettuare le Tac a dosi ridotte. (Ib)

Le due professioniste sono partite dall’osservazione delle “abitudini diagnostiche” in uso nel nostro paese. E da chi più di tutti subisce gli effetti negativi di indagini che implicano l’esposizione a radiazioni: i malati oncologici.

Si stima che in Italia su oltre 40 milioni di esami radiologici effettuati ogni anno, circa il 44% sia prescritto in modo inappropriato e non sia strettamente necessario. I malati oncologici sono i più esposti a queste radiazioni durante la fase della diagnosi e nei continui controlli successivi, nel corso delle cure e dopo. (Ansa)

E’ bello e confortante ammirare in azione una simile creatività, frutto di altissime competenze tecniche e di attenzione orientata ai bisogni di persone reali e vulnerabili. Complimenti allora anche dalla redazione For Her alle due ingegneri napoletane, accomunate da preparazione, professionalità e un curioso cognome tronco che mi fa pensare ad uno sbilanciamento in avanti anche del loro modo di pensare. D’Antò e Caracò non restano “sdrucciole”, non ce le vedo a dire “non è un problema mio”, questa cosa e a valle noi siamo a monte. Le vedo correre da monte a valle, attrezzate, esperte e cariche di umanità. E l’intervista rilasciata in occasione della premiazione sembra confermare l’impressione.

https://youtu.be/nMvV7AQ7Rj8

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.