Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Lo smarrimento civile dietro il caso di Vincent Lambert

© COURTESY OF THE FAMILY / AFP
FRANCE-TRIAL-EUTHANASIA-HEALTH-MEDICINE-RIGHTS A handout photo taken on June 3, 2015 and released by the family of Vincent Lambert shows Vincent Lambert, a quadriplegic man on artificial life support in Reims. The European Court of Human Rights is due to rule on June 5, 2015 whether to keep Lambert on life support. Lambert suffers from irreversible brain damage and is in a chronic vegetative state since a road accident in 2008. While his wife, nephew and doctors approve a 'passive' form of euthanasia and the withdrawal of artificial life support, Lambert's parents have refused to accept it and have fought several legal battles to keep their son on life support. AFP PHOTO / COURTESY OF THE FAMILY == RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / COURTESY OF THE FAMILY" - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS ==
Condividi

La presidente del Movimento per la Vita Marina Casini: "Nella storia di Vincent, come in quella di Eluana e di Terry, non è in gioco solo la vita o la morte di Vincent, ma il senso della vita di ogni uomo quando la vita è solcata dalla malattia o dalla disabilità"

La situazione sta precipitando. Dopo anni di battaglie giudiziarie approdate anche davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo, da poco, all’ospedale Chu di Reims, è stata avviata la procedura per far morire Vincent Lambert. Interruzione dell’alimentazione e dell’idratazione assistita accompagnata da sedazione eutanasica. I genitori chiedono provvedimenti di urgenza per fermare il “braccio della morte”. Conosciamo la storia e l’altalena giudiziaria intrecciata ai consulti medici, alle diverse opinioni dei familiari tra cui i genitori e alcuni fratelli che vogliono che Vincent viva.

Lottano affinché egli venga sottratto alla morte imposta. Non si può nascondere la complessità dei problemi legati al fine vita, ma non possiamo neanche trascurare il fatto che Vincent non è malato, non è in fase terminale, non è in coma, non è in morte cerebrale. Vincent non è attaccato a macchinari. Quindi, nessuno di quei tormentosi dilemmi riguardanti i limiti di una medicina che può diventare altamente invasiva. Vincent è un uomo di 42 anni gravissimamente disabile; reso tetraplegico e in “stato di minima coscienza” in seguito ad un incidente stradale. Nella sua situazione privarlo di alimentazione e idratazione significa cagionargli la morte, cioè ucciderlo. Questa è una di quelle dolorose vicende umane sbattute in faccia all’opinione pubblica – chi non ricorda Eluana Englaro e Terry Schiavo solo per citare le due più note vicende? – sfruttate dall’ideologia che, indossando toghe e camici, pretende di mescolare le carte in tavola chiamando il “cagionare la morte” “atto civile”, “diritto”, “progresso”, “conquista”.

Deve essere chiaro: nella storia di Vincent, come in quella di Eluana e di Terry, non è in gioco solo la vita o la morte di Vincent, ma il senso della vita di ogni uomo quando la vita è solcata dalla malattia o dalla disabilità; sono a tema la qualità della relazione di cura e quello sguardo pieno di tenerezza che riconosce sempre e comunque la dignità dell’altro; viene in questione l’impostazione della società e della convivenza tra gli uomini.

C’è qualcosa di inquietante e soverchiante, come una seduzione velenosa delle menti e dei cuori, in questo ritenere “ostinazione irragionevole” accogliere ed amare chi ha più bisogno degli altri di solidarietà, accudimento, oblatività. Certo, talvolta la stanchezza può sfociale nella disperazione e questa può portare a pensieri di morte. Ma nella vicenda giudiziaria di Vincent è altro ciò che emerge. Quello che viviamo con Vincent affonda, culturalmente parlando, nella permissività sociale e giuridica dell’aborto che si traduce in una perdita di chiarezza su tutto l’uomo. Se l’uomo nella sua massima fragilità e povertà non è considerato un soggetto, un fine, una persona, ma un oggetto, un mezzo, una cosa, allora tutti i pilastri della nostra convivenza civile diventano incerti e la libertà, il diritto, la giustizia, l’uguaglianza, la democrazia si trasformano in contenitori vuoti che qualsiasi contenuto può riempire. Si produce in sostanza un ottenebramento delle coscienze.

Lo smarrimento di fronte al senso della vita umana, sta già mostrando i rischi concreti che derivano da un accanimento della cultura radicale. Non è giusto che Vincent muoia. Vincent ha diritto all’assistenza che amorevolmente gli è sempre stata prestata, in particolare dai genitori. L’indignazione deve essere all’altezza di un confronto che è sempre più internazionale. Basta con queste aggressioni alla vita fragile. È qui che si misura la civiltà di una intera società.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.