Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Guadalupe Ortiz de Landázuri sarà beata: al servizio di Dio, con gioia e umiltà

GUADALUPE, ORTIS, LANDAZURI
Condividi

Sarà il primo chimico donna ad essere beatificato nella Chiesa cattolica: dentro il cammino dell'Opus Dei ha servito Dio nel lavoro di insegnante e nella formazione delle ragazze, in Messico e in Spagna.

Naturalezza, è la parola che si ritrova più spesso scorrendo la storia di Guadalupe Ortiz de Landázuri e le testimonianze su di lei. E non si tratta di spontaneità o istinto, ma della semplicità elastica e docile con cui la nostra natura si dilata e distende affidandosi completamente a Dio. Come l’impasto tra le mani del fornaio.

Beata

Essere santi nel luogo in cui si è posti, nel lavoro soprattutto, è un impegno dal valore incredibile per il mondo. E Guadalupe lo ha adempiuto con gioia e umiltà, la Chiesa intera esulterà per la sua Beatificazione: papa Francesco – accogliendo la richiesta rivolta dal prelato dell’Opus Dei, mons. Fernando Ocáriz– ha stabilito che Guadalupe Ortiz de Landázuri sia beatificata a Madrid sabato 18 maggio 2019.

Lo scorso 8 giugno lo stesso Papa aveva approvato il miracolo attribuito alla sua intercessione: la guarigione istantanea di Antonio Jesús Sedano Madrid, che nel 2002, a 76 anni, fu affetto da un tumore maligno della pelle vicino all’occhio destro. Poco prima di un’operazione, Antonio chiese l’intercessione di Guadalupe Ortiz de Landázuri, chiedendo con fede che l’intervento potesse essere evitato. La mattina dopo, il tumore era completamente scomparso.

In un’intervista, il postulatore della causa, il sacerdote Antonio Rodríguez de Rivera, definisce Guadalupe:

“una donna innamorata di Dio, piena di fede e di speranza, che con il suo lavoro e ottimismo aiutò gli altri nelle loro necessità spirituali e materiali. Era evidente la gioia che impregnava tutto il suo agire, anche in situazioni particolarmente difficili”. (da opusdei.org)

Chi era dunque questa donna spagnola che nel cammino dell’Opus Dei trovò la via per santificare il suo lavoro di docente ed essere vera fautrice dell’emancipazione della donna ben prima del femminismo?

Chimica e guerra

Guadalupe sarà il primo chimico donna ad essere beatificato nella Chiesa cattolica. Nacque a Madrid nel 1916 e morì a Pamplona nel 1975, ma oltre alla Spagna trascorse la sua missione in Messico e Italia.

Aveva un temperamento forte e intrepido. Era la più piccola di quattro fratelli, uno dei quali morì poco prima della sua nascita. Perse il padre quando aveva vent’anni: nei primi giorni della guerra civile, a luglio del 1936, suo padre fu arrestato e due mesi dopo condannato a morte, dopo un processo sommario.

Guadalupe rimase al suo fianco, con sua madre e il fratello Eduardo, confortandolo nelle ore precedenti all’esecuzione. Nonostante l’enorme dolore per la perdita e il fatto di dover fuggire da Madrid con sua madre, non conservò mai rancore verso i responsabili della morte di suo padre. (Ibid)

GUADALUPE, ORTIS, LANDAZURI
Opus Dei | Flickr

Negli studi eccelse fin da piccola, mettendosi in luce come una delle poche ragazze piene di audacia e buoni voti. Nell’ottobre del 1933 s’iscrisse alla facoltà di Scienze Chimiche: tra i sessanta alunni del primo anno, c’erano solo cinque donne. La laurea fu rimandata a causa della guerra civile spagnola, ma concluse nel 1939 il percorso universitario e cominciò a insegnare.

Inoltrandosi appieno nella gioventù, le accadde l’incontro che avrebbe cambiato volto alla sua vita portandola nel tempo ad affondare pienamente i piedi sulla terra, ma con lo sguardo al Cielo:

“Mi piace mettere il cuore in tutti questi problemi, e offrirli a Dio, allo stesso tempo, cose molto umane e altre molto divine. Non è questo veramente il nostro Cammino? I piedi in terra ma guardando sempre (ogni momento) al Cielo, per poter vedere più chiaramente quello che succede vicino a noi”. (da Lettere a un santo)

In Messico al fianco delle donne

Fu l’incontro con Josemaría Escrivá de Balaguer, Fondatore dell’Opus Dei, quello che permise a Guadalupe di capire che Dio la chiamava a essere parte, con una disponibilità totale e vivendo il celibato apostolico, di questa nuova istituzione nata nel seno della Chiesa cattolica. La chiamava, più precisamente, a dare testimonianza della misericordia di Dio nel terreno più tosto da dissodare, il quotidiano e il lavoro.

Nel 1950 il fondatore dell’Opus Dei le propose la possibilità di andare in Messico. Immediatamente rispose di sì e si trasferì con entusiasmo in questo paese, dove iniziò le attività formative dell’Opus Dei, con ogni tipo di persone. Uno dei primi progetti fu una residenza per studentesse universitarie in via Copenhague, nella capitale messicana. Guadalupe si occupò anche in modo prioritario della formazione delle donne contadine e di avviare un progetto educativo: la scuola rurale di Montefalco, dove potessero imparare a leggere e scrivere, e alcuni lavori manuali. (da opusdei.org)

GUADALUPE, ORTIS, LANDAZURI
Opus Dei | Flickr

Descrive se stessa come disordinata e manchevole in molte faccende, ma chi l’ha conosciuta parla di una gioia contagiosa, di ottimismo e generosità. Mara, una studentessa italiana che la ebbe come insegnante in Spagna, la descrisse così:

Riusciva ad essere una vera professoressa senza risultare antipatica: ricordo che dava nozioni scientifiche con affetto, anche a persone che non avevano quasi nessuna preparazione teorica. Era sempre molto delicata.

E’ una santità che si fa strada sul sentiero della gentilezza verso gli altri e della risolutezza nel fare. A tu per tu con se stessa, redarguisce la sua coscienza per ogni piccola mancanza e confida tutto al suo padre, San Josemaria. Un dettaglio significativo: non corregge mai le lettere che gli scrive, segno di una grande libertà nel consegnare la sua anima intera, anche nei chiaroscuri. Si può essere corretti solo da un maestro, non da se stessi; spesso le correzioni che facciamo da soli al nostro “aspetto” nascono dalla vanità egoistica di mostrare un ritratto presentabile. Ma che gioia liberante c’è nel consegnarsi impresentabili a chi ha strumenti migliori dei nostri per cambiarci.

Io continuo a fare a volte pasticci, ma dato che non faccio caso all’ “amor proprio” e dico sempre tutto, resto del tutto tranquilla quando vedo che si nota. Cerco di essere ogni giorno più vicina al tabernacolo, e contentissima. (Da Lettere a un santo)

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.