Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come rivolgersi al clero e ai religiosi?

Condividi

Come salutare e presentare formalmente i membri della gerarchia cattolica

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Quando si saluta il clero cattolico o un membro di un ordine religioso, non è sempre chiaro come rivolgersi a quella persona. In base al suo rango, ci sono modi specifici trasmessi nel corso del secoli.

L’obiettivo non è, ovviamente, far insuperbire i membri del clero, essendo modi per esprimere rispetto e onore nei confronti di una persona alla quale è stato conferito un ruolo particolare nella missione della Chiesa. È un modo per mostrare buon maniere in un mondo che spesso trascura il senso del pubblico decoro.

Allo stesso modo, non ci si dovrebbe preoccupare eccessivamente di rivolgersi a sacerdoti e vescovi usando il loro titolo formale in tutte le situazioni. Si dice che un ragazzo in occasione della Cresima abbia chiamato accidentalmente il vescovo “padre”. Anziché rimproverarlo, il presule gli ha detto: “Non ti preoccupare, è il titolo migliore che ho mai ricevuto”.

Ecco una galleria fotografica per guidarvi nei vari modi di rivolgervi ai membri del clero e ai religiosi.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni