Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 02 Febbraio |
Presentazione del Signore e Purificazione della Vergine
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Perché – e come – andare a cercare chi si è allontanato da Dio

EMPATIA

Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 16/05/19

Il vero significato dell'indicazione di Gesù di cercare la pecora smarrita

Il pastore rischia la vita di 99 pecore al sicuro nell’ovile quando esce a cercare un’unica pecora perduta. Le lascia tutte sole per salvarne una. Ha senso?

Qualsiasi imprenditore non giustificherebbe quel rischio. È eccessivo. In assenza del pastore si possono perdere altre pecore. Perché rischiare tanto? Può arrivare il lupo e fare strage delle pecore nell’ovile.

Non lo capisco. È vero che non comprendo la dinamica di Gesù. Cerco di spiegarla, ma non la capisco completamente. Gesù dice: “Chi di voi se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va dietro a quella perduta, finché non la ritrova? Ritrovatala, se la mette in spalla tutto contento”.

Gesù dà per scontata la reazione del pastore, ma è davvero così palese? Forse mi sono abituato male a vivere in questo mondo utilitaristico.

Se una persona diventa anziana e dipendente non interessa più – richiede spese e dedizione. Se arriva un bambino con dei problemi è meglio che non nasca, richiederebbe troppo.

In quello stesso modo di pensare, si giustifica il fatto di lasciare che una pecora si perda se al contempo si salva il resto delle pecore vigilando su di loro. L’utilità. Il numero. Una contro cento. Vale la pena di salvare le altre.

Questo sguardo meschino riempie il mio cuore di tristezza. Ci cado spesso e mi allontano. Smetto di essere il buon pastore. Non penso alla pecora smarrita. Mi concentro su quelle che stanno bene e al sicuro.

Non penso a chi è lontano, perduto, solo, senza aiuto, senza mezzi. Vivo accarezzando pecorelle che vivono al sicuro. Temendo di uscire a cercare pascoli migliori.

Oggi guardo Gesù. Va a cercare la pecora smarrita. Gli importa più di qualsiasi cosa a questo mondo. Vuole attirare a sé chi è solo, abbandonato, triste, perduto. E torna portandolo sulle spalle.

Mi piace molto questa immagine. Un pastore coperto dalla pecora che riposa sulle spalle del pastore.

La stola con cui il sacerdote si riveste per impartire i sacramenti è la pecora perduta. Mi commuovo sempre quando bacio la stola prima di indossarla. Mi copre. E mi ricorda perché sono venuto.

Non mi copre di dignità. Mi copre di misericordia. Perché serve uno sguardo misericordioso per lasciare le pecore al sicuro nell’ovile e intraprendere un cammino incerto. Il cammino della ricerca.

Vado verso chi è perduto. Posso tornare a casa a mani vuote. O posso tornare felice con la pecora che copre le mie spalle doloranti.

Quella pecora che ha sofferto e si è perduta. Quella pecora che ha sognato amori impossibili e ha fallito, è caduta. Quella pecora che ha desiderato di possedere l’infinito sulla Terra e ha bevuto l’amara bevanda della solitudine.

Quella pecora che ha desiderato amori profondi e veri e ha sprecato in sorsi amari la sua grande capacità di amare. Quella pecora audace e cieca che voleva possedere il mondo intero ed è rimasta sola nella lotta.

Guardo quella pecora che ha un nome. Non voglio abituarmi a permettere che si allontani.

Non mi conformo ad accogliere come pastore alla porta del mio ovile chi arriva. Accogliendo, abbracciando, aspettando. Con pazienza e allegria.

Mi manca il fatto di prendere l’iniziativa, di andare incontro. Forse ho paura del fallimento. Temo di tornare con le reti vuote e il disprezzo come risposta.

Una Chiesa che esce è una Chiesa accidentata. Fa parte della vita stessa. Voglio seguire Gesù per le strade.

Voglio meno prudenza e più sete di avventure. Ho bisogno di un cuore più audace e coraggioso capace di mettersi in cammino ogni mattina.

Con il desiderio di tornare al tramonto con la mia pecora perduta sulle spalle. Non mi importa di fallire.

Sono nato per dare la vita, e il mio modo di farlo è portando una stola sulle spalle. Non voglio dimenticare la mia vocazione di pastore ferito, di pastore coraggioso, di pastore padre. Di pastore con l’odore delle pecore, come diceva Papa Francesco.

Perché ho bisogno di mettermi all’altezza di colui che si è allontanato dalle mie norme, dalla mia lista perfetta di indicazioni.

Ho bisogno di recuperare chi è fuggito pensando che non accetterei mai la sua vita com’è senza pretendere di cambiarla.

Ho bisogno di andare incontro a chi non mi cerca, perché non ha bisogno di me e non richiede i miei precetti.

Voglio mettermi all’altezza della mia pecora perduta. Quella uscita dalla mia vita cercando pascoli migliori perché come il figliol prodigo ha pensato che avrebbe potuto guadagnarsi il mondo da sola.

Voglio uscire a cercarla perché non si senta disperata nella sua solitudine e nei suoi fallimenti. Me la metterò sulle spalle con attenzione, sarò ferita e stanca.

E tornerò a casa con lei. Farò una festa, come il Padre del figliol prodigo. Inviterò tutte le altre pecore che hanno obbedito e non hanno lasciato l’ovile per paura del lupo.

Non voglio che nessuno resti con me per paura di quello che non conoosce. Voglio che il motivo di quello che fa, di quello che faccio, sia sempre l’amore e non la paura.

Il mio Buon Pastore Gesù prende anche me sulle spalle, quando sono ferito e solo, quando mi allontano volendo conquistare il mondo intero.

Sento Gesù che mi abbraccia e mi sostiene. Mi guarda commosso. Mi perdona. Che misericordia ! Quell’amore infinito sotto forma di stola, di pecora sulle spalle, è l’amore che desidero.

Tags:
buon pastoredio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni