Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Signore fa passare la luce nelle tue ferite per rendere il dolore una fonte di gioia!

HANDS
Condividi

Questa è un'operazione che è Dio a compiere in noi, ma a noi sta il compito di lasciarlo fare.

di Sor Francesca Entisciò

Ciò di cui abbiamo bisogno è una risurrezione che abbia la stessa forza rivelata di quella data ai discepoli al terzo giorno, una risurrezione che possa correggere tutti i nostri errati concetti di paura della sofferenza e della croce e diventi un punto di partenza per la nostra fede e una forza dalla quale trarre la capacità non solo di capire il potere che ha la croce di perdonare i nostri peccati, ma anche di sopportare le stesse sofferenze della croce ripieni di gioia. Non sarà più un’agonia, ma una comunione nella gloria, come ha scoperto San Paolo: «Se partecipiamo alle sue sofferenze parteciperemo anche alla sua gloria» (Rm 8,17) (Matta El Meskin, Comunione nell’amore, ed. Qiqajon, 1999, pag. 215)

Parlare della risurrezione ci mette sempre in crisi. Come fosse un evento lontano che riguarda qualcun altro, un mistero da credere ma che in realtà non ha nessuna attinenza con la nostra vita reale, concreta. Eppure è il nucleo centrale, il fuoco da cui prende luce tutta la nostra fede se è davvero tale, poiché senza la risurrezione di Gesù, nessun dolore, nessuna croce ha senso. Si ferma tutto lì, non c’è riscatto, non c’è futuro, non c’è niente. E aspettare niente è morire. Il modo migliore per far entrare la luce della risurrezione nella nostra vita è quello di guardare ai risorti che ci vivono accanto, cioè a tutti coloro che riescono, non in virtù di qualità umane, personali particolarmente spiccate, a far passare la luce nelle ferite e così a rendere il dolore una fonte di gioia pura. Questa è un’operazione che compie solo Dio in noi, ma a noi sta il compito di lasciarlo fare.

1.Il punto di partenza

La risurrezione inizia a dare frutti di luce e di gioia nella nostra vita quando riusciamo a guardare in faccia le nostre paure e a dargli un nome. Ad esempio dirci sinceramente che abbiamo paura della morte, della sofferenza, dell’abbandono. Paura di non farcela a sopportare una croce troppo pesante. Questo è lo sguardo orizzontale, di per sé è giusto essere realisti e ammettere che la parte umana in noi è più forte di quella spirituale, ma ci vuole poi uno scatto di fede che ci consenta di mollare gli ormeggi e permettere a Dio di attraversare la nostra vita facendosi compagno di viaggio, spesso non togliendoci le croci, ma affrontandole con noi. Il punto di partenza allora, è proprio quello di scegliere di avere un Dio come compagno di viaggio, uno al quale interessa la mia storia, la mia sofferenza, che tiene conto delle mie paure, che non mi giudica quando gemo sotto il peso di tanta fatica, dell’ingiustizia di un lavoro che manca, di una vita non accolta, di un matrimonio fallito, di una malattia senza via d’uscita. Far passare la luce della sua risurrezione è non fermarsi al presente doloroso, ma camminare con la fiducia che è provvisoria la croce che sono chiamato a portare e soprattutto la buona notizia è che Qualcuno la condivide con me dal di dentro. Ci sono di sicuro delle persone, una o più, che abbiamo incontrato che, seppur in mezzo a tante sofferenze, erano gioiose, ma di una gioia soprannaturale, profonda, che guarda oltre. Anzi che dà a tutto ciò che umanamente scarteremmo un valore immenso. Grande è il potere della risurrezione, già in questa vita e non solo nella speranza dopo la morte.

2.Comunione nella gloria

Avere delle paure è normale, guardare le conseguenze che il dolore ha nella nostra vita è umano, ma nella vita spirituale c’è un di più, che si chiama comunione nella gloria. Far entrare la luce della risurrezione nella nostra sofferenza è permettere a Dio di farci passare la luce già in questa vita e ci rende partecipi della vita di Cristo che, in quanto uomo, ha voluto condividere questa condizione di caducità con noi, trasformandola dal di dentro. Anzi, di più, entrare nella comunione con queste sofferenze è partecipare della sua gloria. Per questo nella vita dei santi c’è sempre un riferimento al dolore intenso come partecipazione ad un amore più grande. Ad esempio San Francesco diceva ai suoi frati: “tanto è il bene che mi aspetto, che ogni pena mi è diletto”, solo dalla bocca di qualcuno che ha imparato a soffrire offrendo possono uscire tali parole. La forza della resurrezione sta proprio in questa comunione di gloria che passa però attraverso il dolore. Il frutto da cui si riconosce che riusciamo a far passare questa luce in noi nonostante la fatica, che non manca, è la gioia. Una gioia pulita, frutto buono di un cuore purificato, che dall’umano sguardo orizzontale è passato allo sguardo spirituale che è verticale. La gioia più grande per il cristiano, allora, è proprio quella di essere associato a Cristo non solo nella sofferenza, ma nella comunione della gloria immortale.

La risurrezione ha fatto sedere Cristo nei cieli come Re dei re e Signore dei signori, e padrone di tutte le età, e ha fatto della morte di Cristo non solo una propiziazione per la remissione dei peccati e la riconciliazione del mondo con Dio, ma anche un rinnovamento della creazione dell’uomo e un cambiamento radicale nella stessa natura dell’umanità da una vita secondo la carne a una nello Spirito, per preparare il corruttibile ad essere reso incorruttibile e il mortale ad essere reso immortale. (Matta El Meskin, ibid. pag. 219).

Per informazioni su come ricevere la rivista della Casa di Loreto da cui è tratto l’articolo: santuarioloreto@tin.it

http://www.santuarioloreto.it

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.