Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La vera unità: non accanto all’altro, ma con l’altro, nell’altro e per l’altro

BLACK AND WHITE HANDS
Alexey Skachkov | Shutterstock
Condividi

Quanta divisione, critiche, condanne... Non sono sempre d'accordo, ma costruisco quella famiglia sacra e metto Gesù al centro

Gesù è venuto a formare una sola comunità intorno a Lui. Un unico gregge, un solo pastore. Quell’unità è quella che Dio vuole. Una comunità riunita in preghiera accanto al Signore. Una comunità di santi innamorati di Dio.

Gesù mi unisce ai miei fratelli. Ho un solo pastore. C’è un solo sangue effuso per tutti. Aspetto un’unica salvezza per tutti.

Quell’unità è quella che desidero mentre intorno a me vedo solo divisione. Sogno un solo gregge, mentre contemplo tante greggi divise e opposte.

Seguendo uno stesso Cristo posso essere diviso da quelli che lo seguono in modo diverso. Opposto a chi ha altri modi di pregare, di evangelizzare, di pensare.

Un solo gregge è quello che desidero mentre critico e condanno chi non si comporta come me. Diversi modi. Diversi punti di vista.

E Gesù vuole essere l’unico pastore. Dio vuole che sia parte di un solo popolo, come commenta Papa Francesco nell’esortazione Gaudete et Exsultate:

“Nessuno si salva da solo, come individuo isolato, ma Dio ci attrae tenendo conto della complessa trama di relazioni interpersonali che si stabiliscono nella comunità umana: Dio ha voluto entrare in una dinamica popolare, nella dinamica di un popolo”.

Sono solidale. Mi importa camminare con altri, costruire con altri. La fecondità di un lavoro fatto in squadra. Divento solidale. Mi importa di quello che accade all’altro.

Padre Josef Kentenich parlava sempre dell’“ideale della nuova comunità. E credo che dobbiamo porre l’accento soprattutto su questo: essere in spirito uno nell’altro, con l’altro e per l’altro. Non solo un superficiale stare accanto all’altro” [1].

Un’unità profonda. L’altro non mi fa ombra. Non mi toglie protagonismo. Perché quello che costruisce è un bene per tutti. Per l’insieme. Per la mia famiglia.

Con quanta facilità posso parlare male dei miei fratelli! Condanno e critico. E non solo con altri fratelli, posso anche farlo fuori.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.