Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 30 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

La vera unità: non accanto all’altro, ma con l’altro, nell’altro e per l’altro

BLACK AND WHITE HANDS

Alexey Skachkov | Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 15/05/19

Quanta divisione, critiche, condanne... Non sono sempre d'accordo, ma costruisco quella famiglia sacra e metto Gesù al centro

Gesù è venuto a formare una sola comunità intorno a Lui. Un unico gregge, un solo pastore. Quell’unità è quella che Dio vuole. Una comunità riunita in preghiera accanto al Signore. Una comunità di santi innamorati di Dio.

Gesù mi unisce ai miei fratelli. Ho un solo pastore. C’è un solo sangue effuso per tutti. Aspetto un’unica salvezza per tutti.

Quell’unità è quella che desidero mentre intorno a me vedo solo divisione. Sogno un solo gregge, mentre contemplo tante greggi divise e opposte.

Seguendo uno stesso Cristo posso essere diviso da quelli che lo seguono in modo diverso. Opposto a chi ha altri modi di pregare, di evangelizzare, di pensare.

Un solo gregge è quello che desidero mentre critico e condanno chi non si comporta come me. Diversi modi. Diversi punti di vista.

E Gesù vuole essere l’unico pastore. Dio vuole che sia parte di un solo popolo, come commenta Papa Francesco nell’esortazione Gaudete et Exsultate:

“Nessuno si salva da solo, come individuo isolato, ma Dio ci attrae tenendo conto della complessa trama di relazioni interpersonali che si stabiliscono nella comunità umana: Dio ha voluto entrare in una dinamica popolare, nella dinamica di un popolo”.

Sono solidale. Mi importa camminare con altri, costruire con altri. La fecondità di un lavoro fatto in squadra. Divento solidale. Mi importa di quello che accade all’altro.

Padre Josef Kentenich parlava sempre dell’“ideale della nuova comunità. E credo che dobbiamo porre l’accento soprattutto su questo: essere in spirito uno nell’altro, con l’altro e per l’altro. Non solo un superficiale stare accanto all’altro” [1].

Un’unità profonda. L’altro non mi fa ombra. Non mi toglie protagonismo. Perché quello che costruisce è un bene per tutti. Per l’insieme. Per la mia famiglia.

Con quanta facilità posso parlare male dei miei fratelli! Condanno e critico. E non solo con altri fratelli, posso anche farlo fuori.

  • 1
  • 2
Tags:
fratelliunità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni