Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La triste litania di una donna malata di Alzheimer: “La mia mamma dov’è andata?”

aged sad woman wheelchair
Condividi

Ora che i ricordi di una vita sono tutti sfumati, divorati dalla malattia, rimane solo il ricordo della tenerezza struggente della maternità e della figliolanza, la relazione più intima e profonda che ci portiamo dentro.

Stamattina, due passi al parco dietro casa. Incrocio un gruppetto di neomamme con carrozzina, intente a fare ginnastica spingendo i loro piccoli. Tenerissime.
Poco più in là, un altro essere umano su quattro ruote. In questo caso, però, anziché una persona che si è appena affacciata alla vita, sulla carrozzina c’è una donna molto anziana. E a spingerla non è una mammina sorridente, bensì una badante.
La badante sta parlando al cellulare in una lingua che non riconosco, dell’est europeo. Con una mano tiene il telefono, spinge la carrozzina solo con l’altra.
La donna anziana, evidentemente vittima dell’Alzheimer, ripete continuamente, come una litania: “Ma dov’è andata la mia mamma? La mia mamma dov’è andata?”.

Non mi vergogno a dire che mi sono spuntate le lacrime. Chissà da quanti anni la mamma di quella donna è “andata via”, in un mondo lontano da questo. Chissà da quanti anni questa anziana non ha nessuno che la accarezzi con la tenerezza della sua mamma.
E ora che i ricordi di una vita sono tutti sfumati, divorati dalla malattia, rimane solo il ricordo della tenerezza struggente della maternità e della figliolanza, la relazione più intima e profonda che ci portiamo dentro.

Forse anche la badante stava parlando al telefono con i propri figli lontani, lasciati soli al suo paese. E in un mondo che ha sempre più bisogno di relazioni intense e vere come quelle fra genitori e figli, e vive una solitudine ed una fame di affetto sempre più intense, mi rivolgo a Colui che ha amato fino a fare la vita, proprio come una mamma, e gli ricordo le sue parole: “Quale donna si può dimenticare dei suoi figli, e non commuoversi per il frutto del suo grembo? Anche se questa madre si dimenticasse, Io non ti dimenticherò”.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA CHIARA BERTOGLIO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.