Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

7 cose che Dio mi ha ricordato quando ho sentito che la vita non aveva molto senso

GÓRY
Pexels | CC0
Condividi
di Sandra Real

Vi succede, fermandovi per un istante, di sentire di non aver vissuto? Sognate che un giorno tutto questi passi e iniziate finalmente a vivere? “Quando studierò le cose che mi piacciono… quando lavorerò e guadagnerò uno stipendio… quando avrò qualcuno al mio fianco… quando non avrò più questi chili di troppo… quando mi sposerò e avrò una famiglia… quando mi manderanno a quella destinazione…”

E poi, come si suol dire, l’erba del vicino è sempre più verde. L’amica che ha già il fidanzato, il fidanzato che ha la macchina, la famiglia in cui si va a Messa tutti insieme, i compagni che hanno chiaro ciò che vogliono per il loro futuro, gli amici che non hanno grandi problemi…

Passano gli anni e sento di non aver vissuto davvero, che tutto quello che sogno è sempre a cinque o dieci anni di distanza. L’oggi mi pesa, mi stanca, non vi trovo un senso. E forse la nostra tentazione è questa: sognare ad occhi aperti è vivere addormentati.

È cambiato tutto quando ho fatto gli esercizi spirituali: “Ricordate ogni giorno di chiedere a Dio la grazia di incontrarlo in tutti e in tutto… in tutte le cose”, diceva il sacerdote a ogni sessione. “E alla fine della giornata, quando fate il vostro esame, chiedetevi dove avete incontrato Dio quel giorno”. Quanto è difficile incontrare Dio oggi se non viviamo l’oggi! Quanta solitudine nel vivere un tempo in cui non ci siamo né noi né Dio, perché viviamo nel tempo futuro!

1. Imparare a stare

TEENAGE GIRLS
Shutterstock

“Come Maria vogliamo imparare a ‘stare’… Con la sua stessa decisione e il suo coraggio, senza evasioni o miraggi”, ha affermato Papa Francesco in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù di Panama 2019, e credo che sia un messaggio profetico per i giovani.

2. La quotidianità non è un momento di passaggio

MONTAÑITA
Johnny Chunga-(CC BY-NC-ND 2.0)

“La quotidianità non è un momento di passaggio, ha in sé una consistenza di eternità che non passerà mai”, dice una poesia di padre Benjamín Buelta. Nel vivere quotidiano Dio ci parla in vari modi, ci ama, bussa alla nostra porta, ma noi stiamo alla porta del vicino vedendo come gli vanno meglio le cose. Quel “Guarda che sto alla tua porta e busso” è il nostro presente in cui continuiamo a non vedere Dio. Il momento che viviamo non ci sembra tanto interessante.

Abbiamo imparato a saltare tappe importanti e piene della vita perché crediamo che quello che viene sarà migliore, come se l’oggi fosse privo di senso! Di Gesù si diceva: “Da Nazaret può mai venire qualcosa di buono?” Egli stesso ci rivela come Dio può abitare la nostra quotidianità, la nostra semplicità, e passare inosservato per chi aspetta grandi miracoli.

3. La gioventù non è una sala d’attesa

Kalamurzing | Shutterstock

Lo ha detto Papa Francesco nella GMG 2019, forse perché è così che la viviamo: sprofondati in una poltrona con sopra il peso di tutte le nostre aspettative (o di quelle che hanno per noi) relative al futuro.

Non disprezziamo l’oggi: immaginiamo se Gesù avesse detto “Io scendo nel mondo ma già a 30 anni, la vita quotidiana non è interessante”. No! Ha dovuto nutrirsi delle esperienze familiari, conoscere Dio, conoscere se stesso… Se pensiamo che al nostro personaggio famoso preferito vorremmo vedere la casa in cui ha vissuto da bambino, conoscere la sua famiglia, sapere cosa scriveva sul suo diario, cosa mangiava… Allo stesso modo, ogni dettaglio della nostra vita ha moltissimo senso.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.