Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 20 Giugno |
San Romualdo
home iconNews
line break icon

Imprenditori cristiani lanciano un appello a cercare «il cuore dell’Europa»

parlement européen drapeaux

© De Hadrian - Shutterstock

Aleteia - pubblicato il 14/05/19

Mentre la campagna per le Europee è entrata nel vivo ieri, 13 maggio, una decina di associazioni europee di imprenditori e dirigenti cristiani si è rivolta ai dirigenti politici europei e ai futuri europarlamentari con una lettera inedita che Aleteia vi propone in esclusiva.

«L’Europa ha largamente centrato l’obiettivo di assicurare la pace e lo sviluppo economico, che si era prefissa dal 1945. La Dignità della persona e la Sussidiarietà sono – fin dal principio – al cuore del progetto europeo». In una lettera inedita che Aleteia vi propone in esclusiva qui di seguito, una decina di associazioni europee di capi d’impresa cristiani hanno firmato un appello comune indirizzato ai responsabili politici europei e ai futuri europarlamentari, perché continuino «su questa linea».




Leggi anche:
Il biografo Bernard Lecomte: «Per Giovanni Paolo II, l’Europa era profondamente cristiana»

Altrimenti – ammoniscono – l’Europa sarà schiacciata fra giganti economici globali e comportamenti nazionali egoistici, cosa che accrescerebbe ulteriormente le ineguaglianze sociali ed economiche fra le persone, i gruppo, le regioni e le nazioni.

Lettera ai responsabili politici europei e ai futuri europarlamentari

Appello a ricercare il cuore dell’Europa

L’Europa ha largamente centrato l’obiettivo di assicurare la pace e lo sviluppo economico, che si era prefissa dal 1945. La Dignità della persona e la Sussidiarietà sono – fin dal principio – al cuore del progetto europeo.

Noi, imprenditori europei, chiamiamo i responsabili politici europei e i futuri europarlamentari a continuare su questa linea. Altrimenti l’Europa sarà schiacciata fra giganti economici globali e comportamenti nazionali egoistici, cosa che accrescerebbe ulteriormente le ineguaglianze sociali ed economiche fra le persone, i gruppo, le regioni e le nazioni.

A questo fine vorremmo che il futuro programma europeo fosse fondato sulle seguenti basi:

1La persona

In primo luogo, vogliamo richiamare la Dignità di ogni essere umano e la sua Libertà fondamentale. Solo un’Europa fondata su questa base antropologica e filosofica sarà durevole.

2La famiglia

Quindi, in secondo luogo, facciamo appello per un sostegno della famiglia in quanto cellula-base della società, nonché per l’inclusione dei nostri giovani nella loro società. La famiglia è il fondamento del nostro avvenire comune in Europa.

3La società

In terzo luogo, vorremmo richiamare la necessità di una Partecipazione di tutti i cittadini alla costruzione di un nuovo modello di Bene comune inclusivo in Europa, che renda effettive la Sussidiarietà e la Solidarietà originarie europee.

A questo scopo, i candidati alle prossime elezioni europee dovrebbero esplicitare e dettagliare i loro sforzi per un progetto europeo coerente, sostenibile, perspicuo e chiaro. Un vero dibattito democratico è essenziale nelle nostre democrazie rappresentative occidentali per determinare le future alleanze e i programmi europei proposti.

4L’economia

Quarto, vogliamo riaffermare la nostra determinazione, come capi d’impresa europei, a contribuire a uno sviluppo economico e sociale durevole. Noi pensiamo che il capitalismo, regolato da meccanismi democratici per l’assunzione di decisioni e ricercando un equilibrio tra i differenti interessi sociali, sia la condizione favorevole per lo sviluppo e la prosperità delle imprese. Siamo pienamente impegnati a collaborare con tutti gli attori della società, come ci invita a fare Papa Francesco nell’enciclica Laudato si’. A questo fine formuliamo l’auspicio che la responsabilità prevalga sull’assistenzialismo, che l’unità prevalga sulle divisioni e che la cooperazione prevalga sulla concorrenza fra gli Europei, al fine di mettere l’Europa in condizione di difendere i propri interessi e di assumere il proprio ruolo globale nel mondo.

5La riduzione delle disuguaglianze

Infine non dimentichiamo le responsabilità storiche dell’Europa nelle altre parti del mondo, in particolare nei Paesi in via di sviluppo, e vogliamo che l’Europa s’impegni a servire il progresso umano, economico, ambientale e sociale ovunque nel mondo. Noi chiediamo una politica di scambi equilibrati con questi paesi, sostenuta da accordi commerciali e cooperativi aperti e, se necessario, da aiuti per lo sviluppo. In tali condizioni, l’Europa sarà capace di integrare i rifugiati o i migranti che hanno bisogno di installarsi in via permanente nel nostro continente, assicurando loro condizioni di vita all’altezza della loro umanità e delle loro competenze.

Il nostro impegno

Noi ci impegniamo, come imprenditori cristiani, a far vivere i nostri valori nel quadro dell’Europa e a contribuire insieme alla costruzione di un’Europa di pace, di prosperità e forte, alla luce delle nostre radici cristiane comuni e per il Bene comune di tutta l’umanità.

Laurent BATAILLE, Presidente UNIAPAC Europe; 

Claude VERSTRAETE, Presidente ADIC, Belgio; 

Philippe ROYER, Presidente EDC, Francia; 

Ulrich HEMEL, Presidente BKU, Germania; 

Jozsef TOTH, Vice-Presidente ERME, Ungheria; 

Botond SZALMA, Presidente KERME, Ungheria; 

Riccardo GHIDELLA, Presidente UCID, Italia; 

Joe HATEM, Presidente EDC, Libano; 

Ireneusz MARCZYK, Presidente PSChP, Polonia; 

Joao Pedro TAVARES, Presidente ACEGE, Portogallo; 

Jozef VANCO, Maria VANCO, Presidenti VENITE, Slovacchia; 

Dr Drago RUDEL, Presidente ZKPS, Slovenia; 

Luis de LARRAMENDI, Presidente ASE, Spagna.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
dottrina sociale della chiesaelezioni europeeeuropaparlamento europeounione europea
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni