Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 16 Aprile |
Santa Bernadette Soubirous
home iconFor Her
line break icon

D’Avenia: orfani di autorevolezza, i figli diventano tiranni

ARROGANT, CHILD, CROWN

Yuliia D | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 14/05/19

È sentito come abbandono, e non premura, anche l’uso di gesti esclusivamente vezzeggiativi e consolatori; si può nascondere la percezione di un abbandono anche dietro la scelta, troppo precoce, di mettersi in secondo piano come genitori. D’Avenia fa notare un dettaglio solo apparentemente piccolo, cioè che la forma dei passeggini è cambiata proprio all’indomani di quella rivoluzione contro l’autorità che fu il ’68:
Negli anni Settanta i passeggini cambiarono orientamento: il bambino non guardava più il genitore, ma l’esterno: il genitore non faceva più da interprete del mondo dall’alto in basso, ma da accompagnatore. All’obbedisci e poi capirai si sostituì il mettiamoci d’accordo. (Ibid)
Shutterstock-Oleggg
Natalidad en Europa

Io stessa ricordo di aver comprato un passeggino «fronte mondo» proprio perché credevo che fosse positivo che i miei figli guardassero fuori, lasciando alla mia mano di guidarli da dietro. Tuttora non la reputo una scelta sbagliata. Ma capisco benissimo ciò che intende D’Avenia: il modo giusto per conoscere il mondo passa di necessità dal confronto con un volto. Non esiste conoscenza che sia spontanea, buona e istintiva; l’educazione è una voce dispotica, se vogliamo, che impedisce al piccolo di diventare dittatore di sè stesso. O che si lasci irretire dai molti dittatori in agguato. La voce del genitore autorevole non è un regno dispotico, ma è la necessaria monarchia del giardiniere che aiuta le rose ad arrampicarsi nel modo giusto, e le difende da afidi, cocciniglia, mal bianco ( … interrompo qui la mia personalissima lamentela sul giardinaggio fai da te). Ritorno al punto: oggigiorno è ancora più cruciale che il mondo dell’infanzia incontri volti in carne ed ossa che lo introducano alla realtà, perché c’è un affollato fronte nemico (senza volto) che non attende altro che la nostra abdicazione.


PARENTS; MESS: KIDS

Leggi anche:
SOS genitori: per crescere bene i figli, bisogna educare le mamme e i papà

Se il re abdica, governerà il nemico

Mettersi dietro è un gesto bellissimo, spalancare la vista dei nostri figli è un obiettivo che si raggiunge alla fine di un viaggio. Se – riprendendo la metafora del passeggino «fronte mondo»  – il bambino non vede la presenza di un genitore o un insegnante come figura di riferimento per comprendere tutto ciò che la vita gli catapulta addosso, tenderà di necessità ad appoggiarsi ad altro o altri. E c’è chi si strofina le mani, non vede l’ora di intercettare prede dall’anima plasmabile. Il secolo scorso Chesterton scrisse che non esistono bambini non educati, ma semmai bambini fin troppo educati: e si riferiva al fatto che, camminando per strada, gli occhi dei più giovani venivano catturati dai messaggi dei cartelloni pubblicitari.

Ora siamo travolti da messaggi che provengono da ogni genere di schermo e non è detto che, come adulti, siamo sempre in grado di controllare a quale genere di informazioni i nostri figli abbiano accesso, con quali «voci» si mettano a parlare, da quali immagini siano stimolati. Non sono più a bordo di un passeggino «fronte mondo» guidato dai genitori, li lasciamo in un oceano in tempesta col pilota automatico. Alla deriva. Riprendere il timone è un gesto necessario e fuor di metafora D’Avenia lo traduce in una ricetta quotidiana:

fate un elenco di «no» che non riuscite a giustificare e per i quali resistere. Chiedetevi perché questi «no» sono buoni per voi e quindi per l’uomo o la donna che vostro figlio/a diventerà. Il vero amore attraversa la negatività e sa darne ragione ai figli, perché la libertà è frutto di conquista. (Ibid)

  • 1
  • 2
Tags:
educazionefigligenitori
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni