Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconSpiritualità
line break icon

Maria più di tutti ha ascoltato la voce del Pastore e si è lasciata condurre per strade misteriose!

Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 13/05/19

Un cristiano non è un eroe o un impavido cavaliere sempre pronto ad affrontare tutto. Ma un cristiano è uno che innanzitutto ascolta e si lascia condurre da Chi riconosce essere un Pastore che ama.

In quel tempo, Gesù disse: «In verità, in verità io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un’altra parte, è un ladro e un brigante. Chi invece entra dalla porta, è pastore delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. E quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei».
Gesù disse loro questa similitudine, ma essi non capirono di che cosa parlava loro.
Allora Gesù disse loro di nuovo: «In verità, in verità io vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza». (Gv 10, 1-10)

È bello pensare come questa pagina del vangelo accompagna la ricorrenza di oggi che ci fa fare memoria delle apparizioni della Vergine Maria a Fatima. Chi è Maria se non Colei che più di tutti ha ascoltato la voce del Pastore e si è lasciata condurre per strade misteriose con una fiducia immensa? E chi sono Francesco e Giacinta (già santi) che insieme a Lucia hanno dato prova di altrettanta docilità in tempi difficilissimi? La nostra vita dovrebbe rispecchiare la docilità di questo Vangelo. Un cristiano non è un eroe o un impavido cavaliere sempre pronto ad affrontare tutto. Ma un cristiano è uno che innanzitutto ascolta e si lascia condurre da Chi riconosce essere un Pastore che ama e che nulla ha a che spartire con ladri e briganti. Ma c’è qualcosa che ci fa passare dal dentro al fuori e viceversa. È la porta. Gesù si definisce la porta: “In verità, in verità vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvo; entrerà e uscirà e troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza”. Definirsi porta ha come significato qualcosa di importante: la porta rende possibile l’incontro tra un dentro e un fuori. Solo in Gesù si può incontrare davvero il Padre, e il Padre incontra ciascuno di noi attraverso il Figlio.Gesù è la soglia in cui il finito e l’infinito si toccano, in cui il tempo e l’eternità si incontrano. Solo in Gesù tutto questo è possibile e non c’è scorciatoia o alternativa a Lui. Ciò non significa che nel nome di Gesù dobbiamo scartare tutto ciò che non sembra avere a che fare con Lui, ma proprio perché sappiamo che solo Lui è l’unico Salvatore e mediatore e l’unica porta autorizzata, allora tutto ha sempre a che fare con Lui anche se non sempre è evidente. È questo che ci fa dialogare con tutti: è l’intima convinzione che al fondo di ogni cosa, anche la più diversa e lontana c’è sempre Lui.
(Gv 10, 1-10)
#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni