Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le mamme rubano Ave Maria mentre guidano e i bimbi si addormentano

HANDS, ROSARY, CHILD
osobystist | Shutterstock
Condividi

Ho cominciato a pensare che il rosario sia come la voce di mia figlia che ripete "mamma, mamma, mamma..." anche solo per farmi un sorriso.

Esco di casa, ho il maglione sporco di qualcosa che mia figlia mi ha spiaccicato addosso quando l’ho presa su dal seggiolone terminato il pranzo. Le infilo il giubbino, lei si lamenta, le si incastra il pollice non so dove, sfilo e infilo nuovamente il braccio nella manica, le metto il cappellino e la posiziono nel marsupio. Prendo le chiavi, la borsa, il mio giaccone anche se non lo metterò perché tenere mia figlia addosso mi scalda già abbastanza. Scendo le scale, piano, attenta a non inciampare perché non è come prima, ora c’è lei e faccio tutto con più lentezza, con più attenzione.

Saliamo in macchina, partiamo. “Tesoro, diciamo un rosario?” e iniziamo. Lei ha 11 mesi, rimane lì in silenzio ad ascoltare quelle parole che si ripetono finché non si addormenta. Le mamme rubano Ave Maria mentre guidano e i bimbi si addormentano.

La domenica in chiesa arriviamo sempre due minuti dopo l’inizio della messa. Io mi arrabbio tantissimo perché non voglio arrivare tardi ma purtroppo succede. Entriamo, ci mettiamo nelle ultime panche e se lei non dorme la teniamo in braccio a turno finché lei non inizia a lamentarsi. Vuole addormentarsi e per farlo ha bisogno della sua amata tetta. E allora la prendo in braccio e andiamo nella cappellina dove si trova, sopra ad un altare, una statua di Maria Addolorata con Gesù tra le braccia. Domenica l’ho guardata mentre stavo allattando e ho pensato a lei, a quando allattava Gesù e lo teneva tra le braccia. L’ho sentita vicina come non mai.

MOTHER,MARY,JESUS,BIRTH
Waiting For The Word | CC BY 2.0

Lei la benedetta fra tutte le donne fu prima di tutto mamma di Gesù e poi mamma di tutti noi, piccoli figli fragili e sperduti.

A me viene da pensare al rosario come ad una giornata con mia figlia che ripete di continuo “mamma, mamma, mamma…”, non sempre per chiedermi qualcosa. A volte lo dice e mi sorride, a volte lo dice piangendo, a volte lo dice e basta, perché è la parola più confortevole, bella e dolce che possiamo dire.

Ave Maria, Ave Maria, Ave Maria…sulle labbra di una mamma sono come rose in un giardino.
Ave Maria, ti prego aiutami ad essere paziente con chi invece me la fa perdere la pazienza.
Ave Maria, fammi pensare a te quando parlo con mia figlia, in modo che le mie parole siano sempre pulite, chiare e semplici, mai offensive, ambigue o egoiste.
Ave Maria, prendi il cuore, la mente e l’anima di questa povera mamma a volte stanca, limitata e incapace e portala tra le tue braccia a Gesù, così che possa sentirsi confortata.
Maria, prega per me peccatrice, adesso e nell’ora della mia morte. Amen.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MARTHA, MARY AND ME

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.