Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un altro attacco jihadista in una chiesa cattolica in Burkina Faso

Day Donaldson CC
Condividi

Sei persone sono morte, un prete e sei fedeli. Il commando ha anche bruciato la struttura, alcuni negozi e un piccolo caffè prima di dirigersi verso il vicino centro sanitario, saccheggiarlo e dare alle fiamme l'auto delle suore

di Nuccia Bianchini

Sei persone sono morte in un attacco a una chiesa cattolica in Burkina Faso. Lo riferiscono fonti della sicurezza. Le vittime del commando di uomini armati che hanno fatto irruzione nella chiesa sono un prete e sei fedeli. È il primo attacco jihadista a una chiesa cattolica nel Paese dell’Africa occidentale, che dal 2015 è nel mirino della violenza jihadista. È accaduto a Dablo, una località nella provincia di Sanmatenga, nel nord del Burkina Faso, vicino la regione del Sahel. Il commando ha anche bruciato la struttura, alcuni negozi e un piccolo caffè prima di dirigersi verso il vicino centro sanitario, saccheggiarlo e dare alle fiamme l’auto delle suore.

Secondo il sindaco, Ousmane Zongo, intorno alle 9 di stamane, durante la messa, un commando armato composto da venti/trenta persone ha fatto irruzione nel tempio e ha cominciato a sparare mentre i fedeli cercavano di mettersi al riparo. Ma qualcuno non ce l’ha fatta, è stato catturato e il commando ha ucciso sei persone. “Ora c’e’ un’atmosfera di panico in città: la gente è rintanata nelle case, non fa nulla. I negozi sono chiusi, è praticamente una città fantasma”, ha aggiunto Zongo.

Intanto da Barsalogho, circa 45 chilometri a sud di Dablo, sono stati inviati rinforzi, per setacciare l’area a caccia dei terroristi. È stato il secondo attacco a una chiesa cristiana nelle ultime due settimane: lo scorso 28 aprile era stata presa di mira una chiesa protestante. E segue di appena di giorni il blitz delle forze speciali francesi che hanno liberato quattro ostaggi, con un raid notturno costato la vita a due ‘teste di cuoio.

L’ascesa del terrorismo in Burkina Faso è iniziata nell’aprile 2015, quando membri di un gruppo affiliato ad Al Qaeda rapirono una guardia di sicurezza rumena in una miniera di manganese di Tambao, nel nord del Paese; e non fu mai ritrovato. Da allora, il numero di attacchi è cresciuto in maniera esponenziale: ad operare sono un gruppo locale, Ansarul Islam; una coalizione jihadista del Sahel, il Gruppo di sostegno all’Islam e ai musulmani e lo Stato islamico nel Grande Sahara. La regione più colpita è il Sahel, che si trova nel nord e confina con il Mali e il Niger; tuttavia dall’estate 2018 è peggiorata anche la situazione nell’est del paese.

Il Burkina Faso e’ uno dei cinque paesi che compongono il G5 del Sahel, insieme a Mali, Mauritania, Niger e Ciad, un gruppo che combatte il terrorismo jihadista nella regione.

Qui l’articolo pubblicato dall’agenzia Agi

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.