Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 11 Aprile |
Domenica dell'Ottava di Pasqua
home iconStile di vita
line break icon

Continui ad essere mia madre, anche in cielo

mom with son

Di Jacob Lund - Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 10/05/19

Mi soffermo davanti a lei quando non controllava più la sua vita, e allora mi metto nei suoi panni per essere io madre, per prendermi cura delle sue paure, per sostenere i suoi passi fragili che avanzavano appena.

Ora io più madre, e lei più figlia, e tutti e due camminando per una via stretta della vita. Con orizzonti ampi e nostalgia infinita.

E sostengo le sue mani stanche per il tempo. Per il tanto curare, amare, vestire, vivere, vegliare. Le sue mani salde e dolci. Le sue mani bianche, pure, piene di ricordi. E sostengo i suoi occhi azzurri che mi parlano del cielo dipinto sul mare. Il cielo della mia anima. Il mare dei miei desideri.

E navigo su di lei come sulla mia storia santa, ricordando il giorno in cui ho lasciato allontanarsi il suo ultimo respiro. Era un giorno qualunque, del mese di Maria.

Lo stesso giorno in cui Lei, l’altra mia Madre, è venuta a prendere mia padre per portarla con sé, senza chiedermi il permesso. Quelo stesso giorno in cui ho versato mille lacrime, accanto a lei, sorpreso. Incontinente nell’anima. Lasciando fluire un fiume di nostalgia e di cielo azzurro in un respiro eterno. In ricordi che il mio cuore ferito effondeva a cascata.

Come dimenticare tanto cielo dipinto nel suo volto! Quell’ultimo respiro. Quell’ultimo sguardo. Quell’ultimo abbraccio…

E ora sì, guardandomi allo specchio vedo lei. Continue a vivere. Nel ricordo sacro che porto dentro. Perché alla fin fin so che non mi lascia mai solo.

E con la sua vita mi ha insegnato quello che Mía Couto dice in una poesia: “L’importante non è la casa in cui viviamo, ma dove in noi vive la casa”.

E so che lei è in me. Vive in me. Perché è la mia casa. La mia casa più vera. La mia terra più profonda. La radice della mia vita che non smette mai di avventurarsi nel profondo della mia terra. Di ampliarsi nel più profondo del cielo. Di immergersi nel più sacro del mare. In mezzo a mille ricordi che non si sostengono nel mio specchio. Mentre mi guardo in essi e vedo lei, dentro di me, mentre canta.

Non sarei io senza quella vita vissuta accanto a lei. Senza tanto amore versato. Continua ad essere in me la stessa bambina che Dio ha sognato un giorno.

Custodisco nella mia anima le sue parole sacre. Sostengo nel mio cuore il suo sguardo puro. E so che essendo bambino sono figlio. E lei continua ad essere madre che veglia sulle mie notti. Perché io non abbia paura. Perché la porto dentro. E lei, non so bene come, mi porta dentro di sé, in qualche posto del cielo.

  • 1
  • 2
Tags:
buona morteeducazionemadri
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni