Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Alla fine è successo… mia figlia ha fatto “clic”: è cresciuta!

Condividi

Il suo "clic" mi inorgoglisce, mi fa intendere quanto ho lavorato bene, quanto Lui ha lavorato egregiamente; e allo stesso tempo mi spaventa.

di Rachele Sagramoso

Alla fine lo ha fatto.
Era tempo che la osservavo e ora che siamo stati insieme in vacanza, l’ho visto chiaramente.
È paziente coi fratelli, certo.
È un po’ criticona con la madre, chiaro.
Ma è stufa-tra-virgolette: lo vedo dalla sua voglia di fare da sola, da quanto agognerebbe visitare i musei da sola con un ritmo da adulto e non con quel ritmo che devi tenere quando stai visitando una galleria d’arte con dei bambini che cercano di toccare i dipinti appesi con legnetti trovati per terra, temendo che suonino allarmi e altro. Lo percepisco dal ritmo serrato che terrebbe nel visitare quartieri nuovi quando sei senza bambini che tentano di toccare tutti i ricordini di tutti i negozi. Lo comprendo dal fatto che vorrebbe mangiare una mela a pranzo per poi ripartire veloce per pinacoteche e biblioteche, invece che iniziare la ricerca del pranzo con bambini affamati che passano dalla richiesta di merenda a quella della pastasciutta senza soluzione di continuità.

E, si badi bene, non è annoiata. Non sbuffa. Non si lamenta. Non è particolarmente impaziente.
Tuttavia ha fatto “clic”. È cresciuta. È autonoma.
Non ha più bisogno di qualcuno che le ricordi di cambiarsi le mutande lavarsi i denti fare pipì. Potrebbe tranquillamente essere da sola (Marito calma, sono certa che un lui sarà carino paziente gentile e similissimo a te e sicuramente ti piacerà) e si orienterebbe: sa cosa mettere nel bagaglio a mano, sa come fare un check-in in aeroporto, si destreggia con l’inglese.
Il suo “clic” mi inorgoglisce, mi fa intendere quanto ho lavorato bene, quanto Lui ha lavorato egregiamente, che bel pane è venuto fuori con la farina del sacco di chi mi ha preceduto, quanto abbia lei deciso lei di essere in un dato modo.
Contemporaneamente il suo “clic” mi spaventa. So che oramai il dado è tratto e la minestra è cotta. E ci darà da leccarsi i baffi.

QUI IL LINK ORIGINALE PUBBLICATO DA SEI DI TUTTO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.