Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Bernadette Soubirous
home iconStorie
line break icon

“Così don Italo Calabrò mi ha allontanato dalla ‘ndrangheta”   

Young boy saved by the priest in Calabria

Youtube - Consiglio regionale Calabria

Don Italo Calabrò

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 09/05/19

Giosuè, rampollo di una famiglia malavitosa della Piana di Gioia Tauro racconta: persino sul letto di morte mi raccomandò ad un suo caro amico

Giosuè è stato il primo dei minori allontanato dalla propria famiglia di mafia. Infatti, cresciuto in un paese della Piana di Gioia Tauro, nel 1988, a soli 17 anni Giosué finisce nel carcere minorile di Reggio. Lì fa un incontro che gli cambierà la vita. Quello con don Italo Calabrò, allora vicario generale della chiesa Reggina.

Il collegio e il primo arresto

«Sono cresciuto in una famiglia mafiosa e in un ambiente mafioso – racconta Giusuè ad – Quando ero piccolo sono stato in collegio, lì ho conosciuto tanti ragazzini che oggi hanno cognomi “importanti”, che poi ho ritrovato sui giornali».

A 15 anni i primi passi nell’ambiente della ndrangheta. «A 17 anni sono finito prima davanti al Tribunale e poi in carcere minorile. Lì ho cominciato a maturare una riflessione, avendo tutto il tempo per riflettere ho deciso di fare qualcosa per cambiare il mio destino».




Leggi anche:
Per combattere la ’ndrangheta la Chiesa vieta i padrini

Silenzio mafioso

Il ragazzo era finito in carcere per una storia di omertà. Aveva coperto i criminali con il suo silenzio. «In carcere ho conosciuto don Italo Calabrò, venne in visita. Anche le assistenti sociali mi hanno aiutato tanto. Uscii col condono di pena e fui affidato ai servizi sociali».

Ma una volta fuori «per la mia famiglia era come se avessi preso la laurea. Se fossi tornato, l’avrei fatto da “uomo”, da persona che ha man- tenuto l’onore, non ha parlato. Avevo superato la prova con 30 e lode. Ho guadagnato rispetto, saluti da gente che non mi considerava. Queste sono le “virtù” della ’ndrangheta».




Leggi anche:
8 regole per allontanare la ‘ndrangheta da chiesa e feste religiose

Don Italo

A quel punto Giosuè ha cambiato strada. «Ho maturato la scelta di non tornare a casa, dovevo fare qualcosa per me, cercare un’altra strada. Altrimenti quello che mi aspettava era fare “carriera” in quella famiglia, rischiare la vita, rischiare il carcere».

Furono le assistenti sociali del Tribunale per i minorenni a metterci in contatto con don Italo. «Lui era una persona che parlava all’altro come se fosse il suo migliore amico. Quando lo vedevi sapevi che se avessi bussato alla porta avrebbe aperto. Anche se era un prete “importante” non si dimenticava di nessuno».




Leggi anche:
Questa è la reazione che ci si aspetta da un vescovo davanti alle offerte della ‘ndrangheta

Seminari e Agape

Don Italo inizia un vero e proprio percorso di recupero per Giosuè. «Voleva che partecipassi alle riunioni dell’Agape (associazione di solidarietà da lui fondata), che sentissi parole diverse, parole d’amore: erano riunioni molto diverse da quelle a cui ero abituato, qui si progettava come aiutare il prossimo. Mi portava ai convegni in cui si parlava di contrasto alla mafia. Non c’è stata una cosa singola, particolare».

L’ultimo appello

Prima di morire, ci fu l’ultimo grande gesto d’amore verso Giusuè. Don Italo stava male, «in quel momento – rammenta il ragazzo – io andai da lui assieme a un grande amico, Francesco. Don Italo era in un pessimo stato fisico ma gli disse: “Ti affido Giosuè”. Si preoccupò di me anche sul letto di morte».


camorra, protests,

Leggi anche:
Antonio, il figlio del boss Piccirillo che ha detto: la camorra è una montagna di merda




Leggi anche:
Cosa sta facendo la Chiesa di concreto per combattere la ‘ndrangheta?

Tags:
mafiandrangheta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni