Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Febbraio |
Beata Giuseppina Bakhita
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Si devono controllare i compiti dei figli? Uno studio di un’università offre una risposta sorprendente

STUDYING

Monkey business images - Shutterstock

Dolors Massot - pubblicato il 06/05/19

L'Università di Oviedo ha appena reso pubblico uno studio su quale sia l'atteggiamento migliore dei genitori rispetto ai compiti a casa

Nella preoccupazione dei genitori per educare correttamente i figli, molti si chiedono cosa devono fare quando i bambini arrivano a casa con i compiti da svolgere. Devono essere la prima cosa da fare? Bisogna stabilire un orario quotidiano? È bene lasciarli soli mentre li fanno o è preferibile stare con loro e seguire attentamente la preparazione di ogni materia?

La questione è ancora dibattuta, ma sembra che gli studi tendano a dirigersi in una certa direzione. Di fronte a chi dice che i genitori debbano essere molto presenti e controllare i figli a livello di orari di studio e di risposta a ogni esercizio, correggerli, spiegare e rispondere ai loro dubbi se è necessario, gli esperti propongono un altro atteggiamento pedagogico.

Se i genitori vogliono formare i figli nella libertà e far sì che crescano in modo responsabile, un rapporto dell’Università di Oviedo (Spagna) sostiene che non si debbano controllare i compiti del bambino.

Cosa significa non controllare? Lo studio, ottenuto incrociando dati degli allievi delle scuole secondarie spagnole, afferma che i bambini che sviluppano meglio le proprie capacità sono quelli a cui i genitori permettono di assumere le proprie responsabilità nei compiti a casa.

HOMEWORK
Shutterstock

Significa forse che non si debbano aiutare i figli? No. Lo studio suggerisce che l’aiuto dovrebbe permettere:

– che il bambino sia essere responsabile del fatto di fare o meno i compiti;
– che il bambino dipenda solo dai genitori quando non capisce qualcosa;
– che i genitori favoriscano il fatto che il bambino decida di fare i compiti;
– che i genitori non vadano al di là della necessità di aiuto del bambino, ovvero non gli facciano i compiti.

Il rapporto dell’Università di Oviedo sottolinea che i compiti sono parte dell’istruzione accademica, e che quindi i genitori debbano relazionarsi ad essi nella misura in cui “è imprescindibile”. Non è quindi un bene l’iperprotezione (far bene i compiti perché sia il primo della classe) o il controllo eccessivo (manovrare la volontà del bambino di modo da non lasciargli altra opzione).

Organizzare i compiti sì, farli insieme ai figli no

Queste conclusioni sono complementari a quelle di uno studio recente dell’Istituto Catalano di Valutazione delle Politiche Pubbliche (Ivàlua) e della Fondazione Jaume Bofill di Barcellona, reso pubblico nell’ottobre dello scorso anno, che espone i limiti entro i quali devono rimanere i genitori nella collaborazione con i figli.

CHILD HOMEWORK
KDdesignphoto I Shutterstock

In questo caso, lo studio ritiene positivo che i genitori organizzino i compiti con i figli, ma crede che sia controindicato che li facciano insieme a loro.

Considerando i due documenti, può favorire lo sviluppo educativo il fatto che quando il bambino arriva a casa un adulto lo aiuti a organizzare l’orario, di modo che ci sia tempo per quello che si vuole che faccia: merenda, giochi, lettura, conversazione, compiti… È bene aiutare il bambino a dedicare del tempo concreto allo studio, ad esempio facendo sì che sia sempre dopo la merenda e che per ogni materia abbia un periodo di tempo stabilito che egli stesso possa valutare.

In questa organizzazione del tempo, bisogna considerare anche quanto tempo dedicare alla televisione, al computer e agli schermi in generale.

In base all’età, l’organizzazione del tempo verrà effettuata prima dalla mamma o dal papà, e man mano che il bambino cresce passerà a lui. In questo modo acquisirà delle responsabilità sapendo di essere libero di decidere una cosa o il contrario, e il giorno dopo vedrà se ha agito in modo corretto.

Tags:
educazionescuola
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.