Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

A bordo del Saint Lukas, il treno-ospedale che percorre la Siberia

Condividi

In Russia un treno-ospedale percorre le zone rurali della Siberia per proporre cure alle persone geograficamente isolate dal resto del Paese.

Il treno Saint Lukas non è un convoglio come gli altri. Finanziato dal governo russo, la sua missione non è quella di trasportare viaggiatori ma di percorrere la Siberia e l’Estremo Oriente russo per offrire cure alle persone che vivono in villaggi sperduti. Infatti in questi luoghi quasi tagliati fuori dal resto del mondo per via della remota ubicazione geografica e dell’esodo rurale, spesso mancano medici e infrastrutture sanitarie. Per i paesani, più o meno giovani – si noti che viene a farsi controllare soprattutto la popolazione con un’età –, l’arrivo del treno medico, una volta l’anno, è un appuntamento da non perdere.

Dentro al convoglio, grazie al materiale di cui dispongono, medici e infermieri effettuano ecografie, scanner, esami del sangue, diagnosi… Visite e cure sono gratuite. Complessivamente, contando tutte le professionalità coinvolte, a bordo ci sono circa 75 persone, per più di venti specializzazioni mediche. L’equipaggio si ferma più o meno a lungo nei villaggi, a seconda del grado di necessità. I medici vedono in media 150 pazienti al giorno.

Un vagone-chiesa

© Capture d'écran Arte
Un pope con dei paesani nella cappella a bordo del treno.

Il treno porta il nome di San Lukas. Beatificato nel 2000 nella Chiesa Ortodossa, egli era al contempo prete e chirurgo ed è sopravvissuto alla rivoluzione bolscevica e ai gulag di Stalin. Molto devoto alla Vergine Maria, non mancava di pregarla prima di operare qualcuno. Anzi, uno dei vagoni è stato trasformato in chiesa. Vi si celebra il culto cristiano secondo la liturgia ortodossa russa, e per questo vi si trovano un altare, un’iconostasi e icone a profusione… I pazienti possono venire a raccogliervisi tra un esame e l’altro, al lume dei ceri. Più che un semplice treno, il Saint Lukas è un vero luogo di vita.

© Capture d'écran Arte
La cappella a bordo del treno.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.