Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

6 mistici del 1600 che hanno avuto in visione gli angeli

GUARDIAN, ANGEL
Condividi

Da San Giuseppe da Copertino a Benedetta Rencurel: le testimonianze di questi incontri con le creature celesti

Tra i mistici dell’epoca post-rinascimentale troviamo diversi uomini e donne cattoliche che hanno fatto esperienza di manifestazioni degli spiriti celesti.

All’inizio del diciassettesimo secolo, sboccia a Lima la vergine peruviana Santa Rosa, del terz’ordine di San Domenico, che la Chiesa chiama il primo fiore di santità dell’America meridionale. I suoi rapporti con gli angeli furono messi in luce dal suo processo di canonizzazione, tanto che Clemente X si espresse così nei suoi riguardi nella Bolla con la quale egli la fa salire sugli altari.

Santa Rosa de Lima
Creative Commons

“Dio inviò il suo angelo, che camminava davanti a Rosa, che la custodiva visibilmente, per introdurla nel luogo ch’egli le aveva preparato. Ella aveva con lui una familiarità così fiduciosa che, non solamente era per lei un amico carissimo, ma anche un messaggero ed un intermediario, ogni volta che lo Sposo celeste tardava a mostrarsi. Una notte ch’ella si sentiva venir meno, ella lo inviò presso la signora Maria d’Uzategui, con la commissione di dirle ch’ella aveva bisogno di tale rimedio; la pia donna, avvisata dall’angelo, si affrettò ad inviarglielo da un suo servo; la madre di Rosa fu testimone del prodigio, di cui sua figlia le diede la spiegazione per obbedienza. Un’altra volta, l’angelo familiare la riportò, dalla cella del suo giardino alla dimora materna, sana e salva, aprendo le porte davanti a lei. Altri angeli ancora ricevettero l’ordine di Dio di vegliare su quella vergine; grazie alle sue preghiere, essi protessero un certo religioso in un viaggio pieno di pericoli, poi parvero abbandonarlo perché questi non era più in buone disposizioni; siccome al suo ritorno si lamentava con Rosa di quell’abbandono, ella gliene diede il motivo ed entrò in dei dettagli sì intimi che evidentemente ad una tale distanza, ella non aveva potuto esserne informata che da un angelo o dal Signore stesso”.

Occorre che i fatti allegati siano stati ben provati per prender così posto in una Bolla di canonizzazione. Non è detto che Rosa vede il suo angelo, quando lei lo prega di andare a trovare Maria d’Uzategui; ma è necessario ammettere che si è fatto vedere od almeno sentire da quella pia amica, forse abituata a simili messaggi. Quando lo spirito celeste viene a cercarla nella cella del giardino, ella lo vede scivolare simile ad un’ombra bianca ed agile, che la precede poi, giunta a casa di Rosa, svanisce ai suoi occhi.

Leggi anche: Se gli angeli sono immateriali, perchè vengono rappresentati come uomini con le ali?

La vita di San Francesco Solano, l’apostolo del Perù, contiene un segno toccante dell’assistenza degli angeli. Il suo ministero lo aveva chiamato al capezzale di una pia donna che stava per morire: improvvisamente, egli vide il suo volto prendere un’espressione raggiante, egli le chiede quello che stava per accadere. Ella rispose che veniva dal godere dell’aspetto consolante del suo angelo custode, che gli aveva annunciato da parte di Dio che i suoi peccati le erano stati perdonati, che tra poco sarebbe morta e sarebbe stata trasportata da lui nel soggiorno della beatitudine. Non appena ella ebbe finito di parlare, rese soavemente l’ultimo respiro.

L’estatico San Giuseppe da Copertino viveva nella società degli angeli; egli attestò un giorno che li vedeva salire e scendere al di sopra della santa casa di Loreto e, a quella vista, egli fu elevato da uno di quei ratti estatici di cui era abitudinario.

San Giuseppe da Copertino – per essere umiliRitenuto lento nell'apprendere, questo umile frate condusse una vita profondamente ascetica e andava in estasi quando veniva menzionato Dio, arrivando a levitare durante la Messa.

Nel momento in cui egli entrava in Assisi, una insigne serva di Dio lo vide scortato da due angeli; ella seppe per rivelazione che San Giuseppe aveva ricevuto per custode un angelo di un coro superiore. Comunque sia, il santo aveva per quell’angelo una tale venerazione ed egli sentiva così vivamente la sua presenza, che non entrava mai nella sua cella senza averlo umilmente pregato di attraversarne la soglia per primo.

Leggi anche: Le testimonianze di automobilisti salvati dalla morte dagli angeli custodi

San Pietro Fourier riunisce alcune “buone ragazze” per fondare la Congregazione di Nostra Signora. Esse avevano tutte una gran buona volontà; ma la loro iniziazione alla vita religiosa offriva alcune difficoltà pratiche con le quali esse si scontravano col fervore dei loro desideri.

Public Domain

Così esse giungevano appena ad una recita corretta del breviario; le rubriche non entravano facilmente nelle loro teste. “Ora, un giorno che la signora du Fresnel dava loro qualche lezione nel suo giardino, un giovanissimo d’una bellezza radiosa, di circa quattordici anni, sopraggiunse come per caso; egli si avvicinò, si unì ad esse, si mise a spiegare loro il breviario, a recitarlo con esse. Man mano che il ragazzo parlava, le difficoltà scomparivano; e, da quel giorno, esse corsero in quel cammino prima così penoso”. Dio, aggiunge l’autore, inviava ben il suo angelo alla giovane Agar ed al suo piccolo Ismaele per procurare loro, nel deserto, un’acqua rinfrescante. Perché non avrebbe inviato un angelo alle sue umili serve, per rimetter loro in mano la chiave delle preghiere liturgiche?

Leggi anche: Chi sono e cosa fanno gli angeli tutelari dei popoli?

Quasi 200 anni prima di S. Bernardetta Soubirous a Lourdes, un’altra pastorella francese, Benedetta Rencurel, ebbe il grande dono di ripetute apparizioni Mariane che durarono per più di 54 anni, dal 1664 al 1718. Il decreto di riconoscimento di tali apparizioni mariane è stato fatto a Gap il 4 maggio del 2008 dal vescovo Jean-Michel di Falco che dopo aver attentamente studiato i fatti e chiesto consiglio alle persone competenti ha riconosciuto l’origine soprannaturale dei fatti vissuti e riferiti dalla Rencurel, ed ha incoraggiato i fedeli a venire a pregare e a rigenerarsi spiritualmente al santuario di Nostra Signora di Laus. Benedetta nacque nel 1647 il giorno della festa dell’arcangelo Michele, nel piccolo paese Saint-Etienne, vicino ad Avencon nel dipartimento Hautes Alpes (Francia), da genitori molto poveri. Quando Benedetta, all’età di 10 anni, perse il padre, fu affidata ad un vicinQo proprietario terriero per pascolare il suo gregge di pecore. Compì il suo lavoro in modo semplice ed umile.

mystic benoite rencurel
Wikipedia Creative Commons

Dal mese di maggio del 1664, la santissima Vergine apparve alla Pastorella per quattro mesi ogni giorno. Maria diede alla ragazza l’incarico di ricostruire, nelle vicinanze di una vallata chiamata Le Laus, una cappella andata a rovina, perché ci si potesse recarvisi a pregare per la penitenza dei peccatori. M. Lambert, il vicario generale di Embrun, sottopose Benedetta nel 1665 a lunghi interrogatori e arrivò alla conclusione, che le apparizioni Mariane, di cui raccontava la pastorella, erano veritiere. Così, nel 1666 fu iniziata la costruzione di una chiesa a Le Laus, completata nel 1670.

Benedetta fu anche onorata da un rapporto famigliare con gli angeli, i quali, com’è noto, si rallegrano di ogni peccatore pentito (Luca 15,10), inoltre gli angeli dettavano a Benedetta le risposte da dare ai pellegrini e le suggerivano anche i consigli da dare ai peccatori che si presentavano. Il 2 agosto 1700, Benedetta che si trovava nella cappella, vede due angeli sull’altare. “Oggi è giorno di grande festa-dice uno dei due- vuoi fare la comunione?”. “Oh, come posso fare la comunione se non c’è nessuno con cui posso confessarmi?” “Non importa –risponde lo spirito celeste – non hai commesso peccati che possano impedirti di fare la comunione. Sarò io a darti l’Ostia. Accendi i ceri, Avvicinati all’altare, inginocchiati e prendi la tovaglietta tra le mani”. Subito il tabernacolo si apre e uno degli angeli ne estrae un’ostia, nel frattempo benedetta si avvicina all’altare, recita il Confiteor e riceve la santa Eucaristia da uno degli spiriti celesti, mentre l’altro rimane inginocchiato e in atteggiamento di profonda adorazione. L’angelo richiude la porticina del tabernacolo e dice alla pastorella: “Spegni i ceri e ritirati nella tua stanza per fare il ringraziamento alla Santa Comunione”. Benedetta obbedisce e dice allo spirito celeste: “ Bell’angelo, in questo momento ho tutto ciò di cui ho bisogno”. Gli angeli scompaiono e Benedetta si ritira nella sua stanza.

Ma vi è ancora dell’altro: Il 23 dicembre 1700, dopo la funzione di mezzanotte, Benedetta era rimasta sola in cappella e vide la chiesa riempirsi di una moltitudine di angeli che arrivano in perfetto ordine e avanzano in processione. Un magnifico stendardo ornato da tutti i tipi di fiori li precedeva. La metà degli angeli era vestita di bianco e l’altra metà di rosso e ognuno portava in mano una fiaccola. Anche Benedetta ne prese una dall’altare e cominciò a seguire il corteo celeste.

Leggi anche: Il legame tra gli angeli e la Medaglia Miracolosa

La vita della beata monaca domenicana Agnese di Langeac non è meno ricca in apparizioni di spiriti celesti. Ella è continuamente in rapporto sensibile col suo angelo custode. Occorrerebbe un capitolo per rintracciare tutte le visioni di angeli che furono presentate ai suoi sguardi durante le sue meditazioni ed orazioni; ella ricevette diverse volte la comunione dalla loro mano. Nella celeberrima apparizione con la quale ella si trasportò vicino a M. Olier, e che è un fenomeno di bilocazione documentalmente constatato, ella era accompagnata da un angelo.

M. Olier ha lasciato egli stesso il racconto di quella apparizione che si offrì per due volte ai suoi occhi. “Io credetti al momento, dice lui, che fosse la Santa vergine a causa della santa gravità ed a causa dell’angelo che le rendeva gli stessi servizi che un servitore rende ad una signora”. Il santo sacerdote riferì quella visione a San Vincenzo de Paoli, suo direttore spirituale, che riservò il suo giudizio. Essa fu esaminata con grande cura nelle procedure di beatificazione di madre Agnese; e il vice-promotore della fede, che era allora Prospero Lambertini, più tardi Benedetto XIV, concluse, dopo aver risposto a tutte le difficoltà, che la verità dell’apparizione angelica è indubbia.

Leggi anche: L’evangelista Luca e l’apparizione di angeli

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.