Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
Aleteia logo
Approfondimenti
separateurCreated with Sketch.

Sesso e fede, come far entrare Gesù nella vita di coppia

COUPLE, LOVE, BALCONY

Marjan Apostolovic | Shutterstock

Sophie Lutz - Giovanni Marcotullio - pubblicato il 29/04/19

Come si fa a seguire Cristo da sposati? Ecco alcune piste che provano come Gesù abbia tutto il suo posto in seno a una coppia.

«Durante la preparazione al matrimonio, ci hanno detto di mettere Gesù nella nostra vita di coppia e nella nostra sessualità, ma non ci hanno spiegato come fare concretamente». Gesù, il soprammobile ingombrante! Alcuni diranno: vuol dire che bisogna pregare in coppia e avere una vita sacramentale attiva. D’accordo. E nella sessualità… una preghierina prima o dopo… che cambia? Non molto, e poi tutti quanti conosciamo coppie “che sprizzano fede” e che si schiantano.


man flirting

Leggi anche:
Dove mi ha portato il sesso libero e sfrenato

Il matrimonio secondo Gesù: concretezza

Quando guardiamo nei Vangeli il modo in cui Gesù considera il matrimonio e la sessualità, è giocoforza constatare che indica dei fondamentali:

  1. lasciare i propri genitori;
  2. legarsi;
  3. non separare ciò che Dio ha unito;
  4. diventare sempre più una carne sola.

E non nega che sia difficile: «Chi ha orecchie per intendere intenda». Denuncia anche alcune trappole: “la durezza del cuore”, lo “sguardo concupiscente”, che «è già adulterio». Programma concreto, se ci si attiene a Matteo 5 e 19. Se andiamo più lontano e ci viene il desiderio di essere discepoli di Gesù, si tratta di diventare dolci e umili di cuore. Il coniuge apprezzerà.


Giovanni Scifoni, actor,

Leggi anche:
Giovanni Scifoni: vi racconto il sesso, dal punto di vista di Dio

Gesù e il corpo

E poi possiamo anche guardare al modo in cui Gesù considera il corpo: come tocca le persone, come se ne lascia toccare. Agire alla maniera di Gesù, nella coppia, implica un’attenzione specialissima al corpo del coniuge. Mettere Gesù nella vita di coppia non significa “spiritualizzare” la relazione con l’altro, anzi al contrario: significa incarnarla sempre di più. Si può dire che la ragion d’essere della persona di Gesù sia l’incarnazione, il prendere un corpo, assumerne tutte le dimensioni. E così nella vita di coppia assomigliare a Gesù significa incarnarsi, onorare il corpo, dargli tutto il suo valore, donarlo all’altro.


VIOLENCE, WOMAN, FACE

Leggi anche:
Care donne, gelosia e passione non sono segni d’amore ma di possesso violento

Gesù e la parola

In ultimo, mettere Gesù nella vita di coppia significa fare in modo che il Verbo si faccia carne. La parola e la carne. Concretamente, non possiamo essere discepoli di Gesù se non c’è tra di noi una parola di qualità. Gesù è maestro nell’arte della conversazione che fa bene. Basta rimettere i suoi dialoghi per convincersene. Alcuni sono lunghi (con Nicodemo, con la Samaritana…), altri sono corti (col centurione, con Pietro, con la Maddalena…), ma tutti mostrano come un dialogo può essere fecondo, come può cambiare un cuore. La caratteristica della parola di Gesù: è fatta carne. Parola che si prova nel corpo, è sempre manifestata in atti e servizio. Per la coppia, la sessualità – privata di parola – può diventare dominio delle pulsioni. La parola umanizza la sessualità. Essa chiarifica le intenzioni, rivela all’altro che non lo si utilizza ma lo si ama.




Leggi anche:
Hadjadj: Il sesso? Occhio a farne il “barometro” della coppia

Non dimenticare il “debriefing”. «Il linguaggio del corpo deve essere riletto nella verità», diceva Giovanni Paolo II. Accettare senza suscettibilità ciò che l’altro vuole dirmi di un’unione dei corpi o di qualsiasi altro avvenimento della nostra vita, significa mettere Gesù nella nostra sessualità, nella nostra vita di coppia. Significa dire no alla mia paura di dover forse cambiare qualcosa, no all’indurimento del cuore. E sì alla conversione.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
coppiagesù cristosessualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni