Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconNews
line break icon

Profanate le statue, divelto un angelo: devastato il santuario mariano di Fontanelle

sanctuary, virgin,

Facebook

La statua della Madonna nel parco del santuario di Fontanelle di Boves

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/04/19

Colpito al cuore uno dei luoghi simbolo del Piemonte dedicati alla Madonna. Il parroco: chi sa, parli

Hanno devastato un lampione, profanato le statue del Cristo e di San Giuseppe, divelto l’angelo alla sinistra della Madonna davanti alla Grotta di Lourdes. E’ successo nelle scorse notti nell’area del parco del santuario di Fontanelle di Boves (Cuneo), nel piazzale del Rosario.

Un atto vandalico a pochi giorni dall’inaugurazione (domenica 5 maggio alle 10,15, dopo la messa) dei lavori che hanno rinnovato il parco. Durante la messa di domenica 28 aprile, l’appello del parroco don Beppe Panero: «Chi ha visto, parli» (La Stampa, 29 aprile).

Un luogo nato nel 1913

Il santuario delle Fontanelle, dedicato alla Regina Pacis, è uno dei luoghi più importanti e frequentati del Piemonte. Ogni anno migliaia di pellegrini approdano in questo luogo di pace per pregare la Madonna.

Il fondatore del santuario è don Biagio Agostino Pellegrino (classe 1882), inviato a Fontanelle nel 1913, diventando il primo Parroco-Arciprete della frazione di Boves.

Poco dopo essere giunto Fontanelle il Parroco decide di erigere una nuova chiesa per la popolazione, ma nel 1917 viene richiamato alle armi.

Ritornato dalla guerra, prende in considerazione l’idea personale di erigere un vero Santuario, per farne un grande centro di devozione mariana e pubblica la sua proposta nel periodo mensile della parrocchia.

Il crollo improvviso

L’avvocato Beltrù, proprietario del terreno non vuol assolutamente vendere il suo fondo e aderire alle sue insistenti richieste dove Don Pellegrino vuole far sorgere il Santuario.

Dopo numerose laboriose trattative riesce a ottenere un terreno molto distante dalla chiesa parrocchialee si accinge alla costruzione. I lavori proseguono con una certa celerità e le mura del coro e di un lato hanno già raggiunto l’altezza del cornicione. Quando nella notte del 14 settembre 1923 tutto crolla improvvisamente.




Leggi anche:
Irlanda, vandalizzata chiesa a Dublino e profanata la mummia di un crociato

“Ne faremo una più bella e grande”

La notiziaportata al mattino è un colpo tremendo. Ma non si perde d’animo. Confidente nella Vergine, attende un segno dall’alto. Questo segno dal cielo gli appare qualche giorno dopo, quando un parrocchiano già tenacemente contrario all’idea di una nuova chiesa, gli dice: “Coraggio Arciprete non se la prenda per il crollo della sua chiesa. Quel sito era il meno indicato. La Madonna non la voleva là. Vedrà ne faremo una più bella e più grande”.

Qualche giorno dopo, l’avvocato Beltrù commosso per la disgrazia avvenuta, si decide a cederglie vendergli il terreno inizialmente scelto da Don Pellegrino.




Leggi anche:
Quattro chiese a Roma oggetto di atti vandalici da parte di uno squilibrato

Il parco

Il progetto del Santuario viene offerto gratuitamente dall’architetto Pier Giuseppe Mazzarelli; nei primi mesi del 1924 iniziano i lavori e nella primaveradel 1927il tetto è ormai ultimato. Nel luglio del 1928 si ha la solenne benedizione dell’operaintitolata “Santuario Regina Pacis”, insieme ad una moltitudine di persone;la chiesa però è ancora spoglia di quadri ed opere e nel 1939 si ha l’incoronazione della statua di Regina Pacis.

Costruito il tempio, Don Pellegrino acquista a più riprese l’ampio terreno circostante che gli dà mododi avere il giardino con parco di ritrovo per i pellegrini in visita. In seguito acquisterà la collinetta attigua dove erigerà la Cappella dell’Addolorata, la grotta di Lourdes e il monumento ai Caduti.

Don Pellegrinomorirà in seguito a malattiail 17 dicembre 1943all’età di 61 anni (Boves online). Gli sfregi dei giorni scorsi sono un’offesa a chi, come lui, ha creato questo luogo di devozione dando tutto se stesso.


VANDALISM

Leggi anche:
Altare vandalizzato, decisione drastica del prete: la chiesa resta chiusa

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
santuarisantuari marianivandalismo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni