Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Una madre di famiglia si risveglia dopo 27 anni di coma

WOMAN IN HOSPITAL
Shutterstock
Condividi

A seguito di un incidente d’auto, una donna originaria degli Emirati Arabi Uniti è scivolata in coma: dopo 27 anni si è “miracolosamente” risvegliata. Una storia fuori dal comune della quale ha recentemente parlato il figlio.

Non l’ho mai abbandonata perché avevo sempre avuto il presentimento che un giorno si sarebbe risvegliata.

Omar Webair, 32 anni, ha recentemente raccontato la propria incredibile storia alla BBC. La madre, Munira Abdulla, è stata vittima di un incidente stradale nel 1991: la sua automobile era stata impattata da uno scuolabus. All’epoca aveva 32 anni, e la giovane donna – che sedeva nella parte posteriore del veicolo – protesse Omar, il figlio quattrenne, col proprio corpo.

Mia madre era seduta con me sul sedile posteriore. Quando ha visto lo scontro in arrivo mi ha preso fra le braccia per proteggermi.

Il ragazzino riportò appena delle leggere contusioni, mentre la madre subì gravi traumi cerebrali.

«Non perdere la speranza»

Trasferita da un ospedale all’altro, dal Regno Unito agli Emirati Arabi Uniti fino in Germania, la giovane donna era rimasta immersa nel suo coma. Il figlio Omar non ha cessato di vegliarla, restando fisicamente al suo capezzale, fino a quel giorno del giugno 2018 in cui l’ha sentita balbettare e poi chiamarlo per nome. «Erano anni che sognavo questo momento, e la prima parola che ha pronunciato è stata il mio nome». A quasi sessant’anni, Munira Abdulla ha oggi un profilo clinico stabile e può comunicare con quanti le sono vicini. Se questa storia è eccezionale, la testimonianza del giovane non lo è meno: «La ragione per la quale ho raccontato la sua storia è per dire alla gente di non perdere la speranza».

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.