Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quali sono le «feste di precetto»?

The Mass commemorating the instituting of the Eucharist, by Christ.
Condividi
Il mio parroco mi ha rimproverata perché non ero stata alla Messa nel giorno di San Giuseppe, dicendo che è una festa di precetto, in cui c’è l’obbligo di partecipare alla celebrazione eucaristica. Da tempo però il 19 marzo non è più festa civile, ma un normale giorno lavorativo. Lo stesso vale per la festa dell’Annunciazione, il 25 marzo, che in antichità segnava in diverse città toscane l’inizio dell’anno ed è ancora una festa molto sentita dalle nostre parti, ma che quest’anno cade di lunedì. Mi chiedevo quindi quali sono in effetti le feste «di precetto», e quali siano in questi casi gli obblighi per chi, ad esempio, ha impegni di lavoro che rendono difficile la partecipazione alla Messa.

Anna Ghirelli

 

Risponde padre Lamberto Crociani, docente di Liturgia alla facoltà teologica dell’Italia centrale.

La lettera inviata dalla nostra lettrice alla redazione di Toscana Oggi mi ha profondamente meravigliato, in quanto dal 1977 la festa di San Giuseppe non è più tra quelle che devono osservarsi quali giorni di «precetto festivo».

A questo proposito il Codice di Diritto Canonico recita al Canone 1246:  §1. Il giorno di domenica in cui si celebra il mistero pasquale, per la tradizione apostolica deve essere osservato in tutta la Chiesa come il primordiale giorno festivo di precetto. Ugualmente devono essere osservati i giorni del Natale del Signore Nostro Gesù Cristo, dell’Epifania, dell’Ascensione e del santissimo Corpo e Sangue di Cristo, della Santa Madre di Dio Maria, della sua Immacolata Concezione e Assunzione, di san Giuseppe, dei santi Apostoli Pietro e Paolo, e infine di tutti i Santi.

§2. Tuttavia la Conferenza Episcopale può, previa approvazione della Sede Apostolica, abolire o trasferire alla domenica alcuni giorni festivi di precetto.

Il canone 1246 nelle sue due componenti è molto preciso nell’indicare non solo i giorni di osservanza festiva, ma anche la facoltà concessa alle conferenze episcopali nazionali di determinare con precisione quali siano i giorni in cui la comunità dei fedeli è tenuta a partecipare alla celebrazione dell’Eucaristia.

La storia della Chiesa latina riconosce che il precetto principale si riferisce alla celebrazione della domenica, la festa del popolo cristiano. Domenica nella quale si celebra il Mistero grande di Cristo Signore Risorto, asceso alla Destra del Padre, che invia alla sua Chiesa lo Spirito Santo. Giorno, dunque, in cui la comunità dei fedeli si astiene dalla solita routine quotidiana per vivere la gioia della salvezza, cui partecipa nella celebrazione dei Santi Misteri. Giorno che di per sé non dovrebbe essere soppresso da nessun’altra celebrazione soprattutto in quel tempo comunemente detto «ordinario».

Nel Medioevo e poi fino al secolo XVII le feste con obbligo di Messa erano quarantacinque. Urbano VIII con la bolla Universa per orbem redige un nuovo calendario che riduce le feste di precetto a trentacinque e vieta l’inserimento di nuove celebrazioni festive da parte dei vescovi diocesani.

Oltre alle domeniche, era stabilito il precetto festivo per il Natale (25 dicembre), la Circoncisione del Signore (1º gennaio), l’Epifania (6 gennaio), la Pasqua con i due giorni seguenti, la Pentecoste con i due giorni seguenti, l’Ascensione, il Corpus Domini, l’Invenzione della Santa Croce (3 maggio), la Purificazione della Beata Vergine Maria (2 febbraio), l’Annunciazione (25 marzo), l’Assunzione della Beata Vergine Maria (15 agosto), la Natività della Beata Vergine Maria (8 settembre), la Dedicazione di San Michele (29 settembre), la Natività di San Giovanni Battista (24 giugno), tutte le feste degli apostoli: santi Pietro e Paolo (29 giugno), sant’Andrea (30 novembre), san Giovanni Evangelista (27 dicembre), san Giacomo (25 luglio), san Tommaso (allora il 21 dicembre), santi Filippo e Giacomo (1º maggio), san Bartolomeo (24 agosto), san Matteo (21 settembre), santi Simone e Giuda (28 ottobre), san Mattia (allora il 24 febbraio) e ancora: i santi  Innocenti (28 dicembre), san Lorenzo (10 agosto), san Silvestro (31 dicembre), san Giuseppe (19 marzo), sant’Anna (26 luglio), Tutti i Santi (1º novembre), santo Stefano (26 dicembre). Era pure di precetto la festa di uno dei patroni principali di regni, province, città e castelli.  Nel 1708 papa Clemente XI aggiunse l’Immacolata Concezione.

Un numero così esorbitante di feste da aggiungersi all’obbligo domenicale preoccupava molti vescovi che da ogni parte di Europa chiedevano alla Sede Apostolica di rivedere il calendario. Fu Benedetto XIV a prendere in considerazione la seria richiesta dell’episcopato europeo che voleva un incremento dei giorni lavorativi; pertanto il papa, pur no abolendo universalmente i giorni di obbligo, concesse per molte parti dell’Europa di lavorare anche in alcune solennità che richiedevano l’osservanza del precetto.

La legislazione canonica restò immutata fino all’anno 1911 quando papa Pio X ridusse fino ad otto le feste di precetto e nel 1917 il Codice di Diritto Canonico determinò la lista di feste da osservare, conservando però l’obbligo di celebrare la missa pro populo anche per le feste cui non si applicava più il precetto.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.