Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 18 Maggio |
San Pascual Baylón
home iconArte e Viaggi
line break icon

Notre-Dame de Paris: i lavori più urgenti sono cominciati

Notre-Dame de Paris, il 19 aprile 2019.

Caroline Becker - pubblicato il 24/04/19

Otto giorni dopo l'incendio che ha parzialmente devastato Notre-Dame de Paris, i primi lavori di salvaguardia sono cominciati.

Da più di una settimana operai e architetti operano senza sosta per consolidare l’edificio, ancora soggetto a rischi di crollo. Se l’accesso alla chiesa è attualmente assai limitato per ragioni di sicurezza relativamente al rischio di caduta pietre, gli artigiani hanno comunque potuto cominciare ad effettuare i primi lavori d’urgenza.

Un telone e delle reti

Anzitutto lo smantellamento delle vetrate. Quelle che sovrastano la navata e il coro sono state smontate a partire da ieri, 23 aprile, per essere mandate in restauro. Ciò permetterà inoltre agli architetti di collocare nelle aperture delle grandi travi di sostegno per sostenere una plancia. Così gli operai potranno lavorare al restauro della volta nelle settimane a venire.

Notre-Dame de Paris, il 19 aprile 2019.

Altro elemento importante: i rosoni. Se quello della facciata non ha sofferto, gli altri due – a nord e a sud – sono stati resi fragili. Il rischio maggiore si colloca a livello della struttura in pietra che circonda i pannelli di vetro. Siccome alcune pietre rischiano di cadere, sotto ai rosoni (come pure sotto ai pignoni che li sovrastano) sono state collocate delle reti. Le vetrate, che hanno risentito della fuliggine, saranno smontate nei mesi a venire per essere ripulite e restaurate.




Leggi anche:
Ritrovato “il gallo” della guglia di Notre Dame: le reliquie all’interno sono salve

In ultimo, un grande telone ricoprirà l’insieme della volta per evitare che questa – già molto danneggiata – venga appesantita dalla pioggia. Già forata in più punti, sotto al peso dell’acqua rischierebbe ancora di più di crollare.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
architetturaartenotre dame
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni