Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Notre-Dame de Paris: i lavori più urgenti sono cominciati

Notre-Dame de Paris, il 19 aprile 2019.
Condividi

Otto giorni dopo l’incendio che ha parzialmente devastato Notre-Dame de Paris, i primi lavori di salvaguardia sono cominciati.

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Da più di una settimana operai e architetti operano senza sosta per consolidare l’edificio, ancora soggetto a rischi di crollo. Se l’accesso alla chiesa è attualmente assai limitato per ragioni di sicurezza relativamente al rischio di caduta pietre, gli artigiani hanno comunque potuto cominciare ad effettuare i primi lavori d’urgenza.

Un telone e delle reti

Anzitutto lo smantellamento delle vetrate. Quelle che sovrastano la navata e il coro sono state smontate a partire da ieri, 23 aprile, per essere mandate in restauro. Ciò permetterà inoltre agli architetti di collocare nelle aperture delle grandi travi di sostegno per sostenere una plancia. Così gli operai potranno lavorare al restauro della volta nelle settimane a venire.

Notre-Dame de Paris, il 19 aprile 2019.

Altro elemento importante: i rosoni. Se quello della facciata non ha sofferto, gli altri due – a nord e a sud – sono stati resi fragili. Il rischio maggiore si colloca a livello della struttura in pietra che circonda i pannelli di vetro. Siccome alcune pietre rischiano di cadere, sotto ai rosoni (come pure sotto ai pignoni che li sovrastano) sono state collocate delle reti. Le vetrate, che hanno risentito della fuliggine, saranno smontate nei mesi a venire per essere ripulite e restaurate.

In ultimo, un grande telone ricoprirà l’insieme della volta per evitare che questa – già molto danneggiata – venga appesantita dalla pioggia. Già forata in più punti, sotto al peso dell’acqua rischierebbe ancora di più di crollare.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni