Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Santi Quirico e Giulitta
home iconFor Her
line break icon

Caro Filippo, io vivo anche per te sconfitte e vittorie…

FILIPPO B. CON EMMA B.

Stefano Bataloni

Filippo Bataloni con Emma B.

Piovono Miracoli 2.0 - pubblicato il 24/04/19

Filippo ha avuto un’amica molto speciale, forse la persona più simile ad un’anima gemella che lui abbia mai incontrato. Alcuni giorni fa, a scuola, lei ha scritto un tema. Leggendolo, io e Anna, in lacrime, non credevamo ai nostri occhi: la storia di nostro figlio continua a riservarci dei doni meravigliosi.

Ho tredici anni e la maggior parte della mia vita l’ho condivisa con Filippo.
Ci siamo conosciuti nel momento più difficile della vita di entrambi: eravamo
in ospedale e lottavamo contro la leucemia. Ci siamo ammalati a due anni e le cure a cui eravamo sottoposti ci impedivano di andare a scuola e di frequentare altri bambini. La nostra unica compagnia era rappresentata dai medici.




Leggi anche:
La malattia può essere un dono ma non un regalo

All’inizio, giocare insieme e diventare amici sembrava frutto della necessità di superare la solitudine, finché poi ho capito che, anche se non fossimo stati in quella situazione, saremmo comunque diventati amici.

Avevamo tante cose in comune, soprattutto la passione per gli animali, ma eravamo capaci di litigare per fare un puzzle: io lo iniziavo dal bordo, mentre lui da dove capitava. Però lui è l’unica persona al mondo che capiva fino in fondo le sofferenze fisiche, dovute sia alla malattia che alle cure, che provavo. Ha condiviso con me la frustrazione di non potersi ribellare ad un prelievo di sangue ed è accorso in mia difesa quando una delle infermiere mi ha rimproverato per un mio capriccio.

Siamo cresciuti insieme e abbiamo superato il periodo di isolamento con la volontà comunque di stare insieme anche fuori dall’ospedale. Lo zoo era la nostra meta preferita, ma anche i compleanni festeggiati a casa sua al mare sono state occasioni di immensa felicità.

Nel frattempo le cure su di me avevano l’effetto desiderato, mentre su di lui non funzionavano. Io proseguivo la mia vita come tutti i ragazzini della mia età, mentre Filippo era di nuovo in isolamento in ospedale. Fisicamente eravamo separati, ma io ero comunque vicino a lui a combattere.

C’eravamo prefissati degli obiettivi: farci costruire una casa sull’albero, diventare veterinari, fare un viaggio in Africa.

CASA ALBERO
Di Volurol - Shutterstock

Lui ce l’ha messa tutta, ma il 20 novembre 2013 (2014) “il leone ha ucciso la gazzella.” All’inizio è stato come se mi avessero tagliato un braccio, ero incredula e arrabbiata, speravo fosse un brutto sogno e che qualcuno mi svegliasse. Mi sono sentita sola. Avevo perso il mio compagno di giochi e di vita.




Leggi anche:
Mio figlio è morto, ma io alla Risurrezione ci credo!

Però ho capito che anche se lui non c’è più fisicamente, dentro il mio cuore, c’è ancora e rimarrà lì per sempre. Affronto le giornate e quello che mi riservano anche per lui e ogni vittoria e sconfitta è anche la sua. In fondo al mio cuore è come se continuassimo a crescere insieme.

(Emma B.)
LETTERA-EMMA-FILIPPO
Stefano Bataloni, Anna Mazzitelli

Lettera di Emma B. a Filippo Bataloni

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL BLOG PIOVONO MIRACOLI

Tags:
amiciziadolore innocente
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni