Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Se hai fretta di cambiare il mondo, fai la cosa più urgente: prega!

MAN SITTING METRO
Condividi

Per noi cristiani, tutti, la priorità assoluta è sempre la vita spirituale, la preghiera, la conversione continua a Lui. Il regno di Dio inizia dentro di noi e da lì si espande anche nella realtà sociale.

Strano a dirsi ma erano molti ai tempi di Gesù che rimanevano delusi dalla sua predicazione: volevano indicazioni pratiche per risolvere la penosa situazione politica e sociale del tempo. Non solo Giuda, ma diversi fra gli apostoli gli chiedono quando avverrà la restaurazione politica del regno di Dio.

Gesù invece ribadisce che il regno di Dio è dentro di noi: alcuni capiscono altri non capiscono. La storia ha dimostrato che, non solo dal punto di vista spirituale, ma anche dal punto di vista sociale il cristianesimo ha cambiato il corso delle vicende umane. Prova ne sia che contiamo gli anni a partire dalla nascita di Gesù. Così si spiega anche quella misteriosa frase:

Senza di me non potete fare nulla (Gv 15,2).

che sembra contraddire il buon senso e smentire la filosofia dell’uomo che si è fatto da sé, così diffusa oggi. Fare le cose senza Gesù è come costruire con la paglia: apparenza senza sostanza.

Leggi anche: Dal disastro spirituale deriva ogni miseria materiale

Questa considerazione mi conforta oggi che abbiamo tanti motivi d’insoddisfazione per la situazione nazionale e internazionale. Ben fanno tante realtà della Chiesa a insistere sulla priorità della vita spirituale, della necessità d’identificarsi con Gesù. E questo non solo per i sacerdoti, frati e suore ma per ogni cristiano. Mi ritorna continuamente in mente il rimprovero di Gesù a Marta e la lode a Maria:

una sola cosa è necessaria, e Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta (Luca 10,42).

Proprio perché la nostra situazione ha tanti aspetti lamentevoli, occorre vivere di fede con l’intenzione di fare unicamente la volontà di Dio. Essere uniti al Padre come era Gesù e identificarsi con Lui. Questa è la priorità, anche se sono pochi a dirlo. Da qui poi verrà il coraggio e la capacità per il cittadino cristiano di sanare a poco a poco la società inquinata che lo

circonda.

Leggi anche: Marta fa cose buone ma Gesù, che la ama, non vuole che si perda il Meglio!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL BLOG DI PIPPO CORIGLIANO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.