Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Pasqua di sangue in Sri Lanka: almeno 158 morti e diverse centinaia di feriti

WEB3-SRI-LANKA-BOMBE-ATTACCHI-CRISTIANI-PASQUA
You Tube
Condividi
di Giada Aquilino – Città del Vaticano

Sarebbe di almeno 158 morti e diverse centinaia di feriti il bilancio provvisorio di una serie di esplosioni simultanee che hanno colpito alcune chiese durante le celebrazioni pasquali e diversi hotel in Sri Lanka. Fonti di stampa ancora contraddittorie riferiscono di deflagrazioni che si sono prodotte nella chiesa di Saint Anthony a Colombo, in quella di Saint Sebastian a Negombo, località a maggioranza cattolica a nord della capitale. Presa di mira inoltre la Zion Church a Batticaloa, nell’est. Ancora non confermate esplosioni in un altro edificio di culto a Katuwapitiya, sempre a nord di Colombo. Annullate le celebrazioni di Pasqua in tutto il Paese. Al momento non è giunta alcuna rivendicazione per gli attacchi. La polizia ha esortato la popolazione a restare in casa ed a mantenere la calma.

Nuova esplosione a sud di Colombo

Tra gli alberghi colpiti, frequentati pure da turisti, il Cinnamon Grand Hotel, il Kingsbury e lo Shangri-La, situati nel cuore di Colombo. Segnalata un’altra esplosione in un hotel di Dehiwala, un sobborgo meridionale della capitale. La sicurezza in città e nell’aeroporto, intanto, è stata intensificata. Tra le vittime, secondo le autorità, anche stranieri: almeno 35. Una condanna agli attentati è giunta del presidente dello Sri Lanka Mathripala Sirisena e dalla comunità internazionale.

Le parole del card. Ranjith

Alla notizia della strage, riporta l’agenzia AsiaNews, il card. Malcolm Ranjith, arcivescovo di Colombo, ha espresso “condoglianze per le vittime” e ha invitato a pregare per il Paese. L’isola piange le vittime cristiane e – prosegue Asia News – nel frattempo lancia una raccolta di sangue in tutti gli ospedali: lo ha detto il card. Ranjith, in una conferenza stampa, esortando tutti i cittadini a recarsi negli ambulatori per i prelievi e chiedendo ai medici, nel giorno di riposo per la festività, di tornare in servizio per “salvare almeno una vita”.

La guerra civile

Il Paese, di 21 milioni di abitanti a maggioranza buddista, con un 7% di cristiani, ha vissuto una lunga guerra civile tra governo srilankese e ribelli tamil: dati Onu parlano di almeno 80 mila vittime tra il 1979 e il 2009.

(notizia in aggiornamento, ultima modifica ore 11.04)

 

Articolo pubblicato su Vatican News

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.