Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 27 Luglio |
Santi Gioacchino e Anna
home iconApprofondimenti
line break icon

Facciamo risorgere in noi Gesù Bambino

Domena publiczna

Don Fortunato Di Noto - pubblicato il 21/04/19

Generazioni di artisti, con variegate e a volte bizzarre personalità, hanno impresso in immagini la vita di Gesù, qualcuno si è soffermato solo ad una tappa della vita, come se Gesù Bambino non fosse mai cresciuto, è rimasto bambino. Lo hanno raffigurato in fasce, in croce, nell’atto di portare una piccola croce, con la culla di Betlemme a forma di croce, con vesti regali, con vesti da povero, senza vesti (nudo) così come ci hanno tramandato: appeso in croce, nudo. Ma anche come Bambino risorto. Ho contemplato la croce, soprattutto le piaghe “più dolorose: le piaghe dei bambini profanati nella loro intimità” (Via Crucis 2016 con papa Francesco); Via Crucis dei bambini cui si rifiuta una infanzia e nella croce di Gesù, tutte le croci, comprese quella dei bambini che vogliamo attenzionare. I più indifesi, i più manipolabili, i più eliminabili, i più fragili (basti pensare ai neonati), i più schiavi degli schiavizzati. Tra le innumerevoli croci di questo tempo, i bambini sono i più schiacciati. Chissà se tra qualche anno si dedicherà la Via Crucis nel Colosseo ai bambini.

“La croce – aggiunge il Pontefice nella Via Crucis di quest’anno – è anche figlia della cultura dello scarto, di un mondo che opprime i più vulnerabili e indifesi: la croce dei piccoli, feriti nella loro innocenza e nella loro purezza”. Ma nell’iconografia, tra le tante rappresentazioni del Gesù Bambino, abbiamo anche il bambino risorto: un bimbetto di pochi anni di bianco (o di rosa) vestito, che spesso porta sul suo corpo paffutello i segni del flagello e della crocifissione. Un Gesù Bambino flagellato, crocifisso, ma vittorioso: si mostra al fedele come colui che è risorto sconfiggendo la morte, e reca con sé il classico stendardo che siamo abituati a vedere in tanti quadri sulla Resurrezione. Spesso è accompagnato da un agnellino (che vicino a un bimbetto fa sempre il suo effetto); molto spesso ha una mano sollevata per benedire il fedele, e annunciargli che la morte non deve più fare paura. Se un bambino ci spinge a tutelare la vita, alla protezione e sua tutela (come fece Giuseppe, suo padre), come Maria, addolorata del destino e della morte di Suo figlio, nel ricordo dei giochi e e della spensieratezza, ma anche del bambino nella Sinagoga: questa parola si è realizzata! Questa Madre, pur nel dolore, è in attesa di incontrarlo Risorto. Per una Madre un figlio non ha mai età, è e rimane bambino e un abbraccio è un cullare nella tenerezza di una vita bella, piena e gioiosa. Il mistico del XVII secolo Angelo Silesio poteva affermare: «Nascesse mille volte Gesù a Betlemme, se non nasce in te, tutto è inutile».

“Il giorno di Pasqua facciamo lavare gli occhi ai bambini”. Papa Francesco alla fine di una udienza (28 marzo 2018) ha raccontato che “in tanti Paesi c’è l’abitudine che, quando il giorno di Pasqua si ascoltano le campane, le mamme e le nonne portano i bambini a lavare gli occhi con l’acqua, segno di poter vedere le cose di Gesù, le cose nuove”. Il Papa ha invitato a fare questo ai bambini anche per questa Pasqua ed ha aggiunto: “Lasciamoci in questa Pasqua lavarci l’anima, lavarci gli occhi dell’anima, per vedere e fare le cose belle”. Non so se lo abbiamo fatto. La Risurrezione di Gesù – bambino – dove i bambini possano vedere cose nuove, oltre la Croce. Cose nuove.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
7
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni