Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Qual è la differenza tra il Monte degli Ulivi e il Giardino del Getsemani?

Condividi

Gli autori dei Vangeli si riferivano allo stesso posto?

Nel Vangelo di Marco si legge che dopo l’Ultima Cena Gesù e i suoi discepoli “giunsero in un podere detto Getsemani, ed egli disse ai suoi discepoli: «Sedete qui finché io abbia pregato»” (Marco 14, 32). Allo stesso tempo, nel Vangelo di Matteo c’è scritto che “dopo che ebbero cantato l’inno uscirono per andare al monte degli Ulivi” (Matteo 26, 30).

Sono andati al Monte degli Ulivi o al Giardino del Gestemani? O si tratta dello stesso luogo?

Il Monte degli Ulivi fa parte della catena montuosa che separa Gerusalemme dal deserto della Giudea. Questo “monte” è la vetta centrale, e assomiglia a una grande collina rocciosa. Una volta vi crescevano molti ulivi.

Il Giardino del Getsemani è un giardino situato alla base del Monte degli Ulivi. Il nome significa letteralmente “frantoio”, ed è un altro riferimento alla presenza degli ulivi in quella zona.

Per rispondere alla domanda, dopo l’Ultima Cena Gesù e i suoi discepoli si sono recati al Monte degli Ulivi, e più specificatamente al Giardino del Getsemani che è alla sua base.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.