Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconChiesa
line break icon

10 motivi per cui sappiamo che Cristo è risorto dai morti

RESURREZIONE, PIERO, DELLA FRANCESCA

Wikipedia

Tom Hoopes - pubblicato il 18/04/19

A Pasqua non celebriamo un mito o un grande simbolo psicologico, ma un evento storico

Questa domenica è la Domenica di Pasqua, il giorno in cui si celebra la Resurrezione del Signore.

È importante capire cosa afferma la Chiesa. Lo psicologo canadese Jordan Peterson, famoso su YouTube, parla dei modi simbolici e psicologici per i quali ritiene la resurrezione un grande principio liberatore, ma sostiene che la questione della reale resurrezione di Gesù dai morti è “oscura e complicata”.

Sbaglia. La domanda è semplice: c’è stato un momento nella storia in cui Gesù Cristo è morto e poi un momento in cui è stato vivo di nuovo?

Le prove al riguardo sono molto forti. Sì. Gesù è letteralmente risorto dai morti.

1: L’argomentazione della debolezza di Cristo

È importante guardare al modo in cui viene raccontata la storia del Nuovo Testamento. Per molti versi non assomiglia a un “mito della resurrezione”, come la storia della fenice indicata da scettici come Peterson. Gesù non è presentato come una figura mitica onnipotente che trionfa sui nemici. “Padre mio, se è possibile, passi da me questo calice”, dice. “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”, grida.

Dopo la crocifissione, nella mente dei suoi seguaci non si profilava la figura eroica di Gesù, ma la sua debolezza. Gli apostoli si sono rinvigoriti perché è accaduto qualcosa di straordinario: il loro leader sconfitto è risorto dai morti.

2: L’argomentazione della debolezza degli apostoli

Se gli apostoli stavano costruendo una religione, non l’hanno fatto come la maggior parte dei fondatori delle nuove religioni. Non hanno voluto sembrare grandiosi e meritevoli di rispetto, ma un disastro.

“Lungi dal presentarci una comunità presa da una esaltazione mistica, i Vangeli ci presentano i discepoli smarriti («tristi»: Lc 24, 17) e spaventati, perché non hanno creduto alle pie donne che tornavano dal sepolcro e «quelle parole parvero loro come un vaneggiamento» (Lc 24, 11).Quando Gesù si manifesta agli Undici la sera di Pasqua, li rimprovera «per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevanno visto risuscitato»”.

Se avessero voluto creare una religione lo stavano facendo male, dando alla gente motivi per non confidare in loro.

3: La trasformazione di Saulo

Oltre al caso dei Dodici abbiamo quello di San Paolo, passato da accanito persecutore a zelante predicatore dopo aver visto Cristo vivo. Questa straordinaria trasformazione – da una persona scandalizzata dal messaggio cristiano a quella che lo propone di più – ha senso se Cristo è risorto, e non ne ha se non è risorto.

Paolo torna continuamente alla sua storia di resurrezione personale, perfino quando è sotto processo. Questo nutre la sua fede e fa la differenza per lui. Arriva a dire: “Se Cristo non è stato risuscitato, vana dunque è la nostra predicazione e vana pure è la vostra fede” (1 Corinzi 15, 14).

Ha scommesso tutto sulla vera Resurrezione, e ci ha invitati a fare lo stesso.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
gesù cristoresurrezione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni