Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

«Quanto mi volete dare perché io ve lo consegni?»

Condividi

Non è Gesù a pronunciare su Giuda una sentenza di morte, fosse dipeso da Lui lo avrebbe salvato. È Giuda che si autodistrugge. È questo l’inferno.

Allora uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariota, andò dai sommi sacerdoti e disse: «Quanto mi volete dare perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d’argento. Da quel momento cercava l’occasione propizia per consegnarlo.
Il primo giorno degli Azzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Dove vuoi che ti prepariamo, per mangiare la Pasqua?». Ed egli rispose: «Andate in città, da un tale, e ditegli: Il Maestro ti manda a dire: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli». I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua.
Venuta la sera, si mise a mensa con i Dodici. Mentre mangiavano disse: «In verità io vi dico, uno di voi mi tradirà». Ed essi, addolorati profondamente, incominciarono ciascuno a domandargli: «Sono forse io, Signore?». Ed egli rispose: «Colui che ha intinto con me la mano nel piatto, quello mi tradirà. Il Figlio dell’uomo se ne va, come è scritto di lui, ma guai a colui dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito; sarebbe meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!». Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l’hai detto». (Mt 26,14-25)

“Allora uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariota, andò dai sommi sacerdoti e disse: «Quanto mi volete dare perché io ve lo consegni?»”. Questo tipo di contrattazione non ha mai smesso di essere in atto. Il peccato è sempre frutto di un commercio così. Vendiamo Gesù, vendiamo la Verità, il Bene, il Senso per monetizzare con sicurezze immediate a breve termine, piaceri che finiscono dopo dieci minuti, e vite che sono solo la celebrazione del vuoto. Ci sembra sempre un affare vendere Gesù. In fondo il mondo si è specializzato nel marketing, e ha imparato dal migliore, da quell’antico serpente che rifilò il frutto proibito ad Adamo ed Eva, promettendogli mari e monti e lasciandoli solo nudi con due foglie di fico, senza più una casa e con una storia iniziata bene e finita male. Siamo figli di questo inganno, e ne portiamo i segni. Ma torniamo all’ultima cena. Nello sgomento generale, mentre tutti si domandano chi è il traditore, Gesù aggiunge un dettaglio durissimo: “Il Figlio dell’uomo se ne va, come è scritto di lui, ma guai a colui dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito; sarebbe meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!”. Non credo sia bello sentirsi dire che per come è andata forse sarebbe stato meglio non nascere, ma senza anestetici credo che sia questo il destino del peccato, quando arriva all’estreme conseguenze. Si può talmente fare del male fino a diventare una maledizione. Non dovrebbe mai accadere che la nostra vita diventi una maledizione, dovremmo difendere fino alla fine la possibilità di lasciarla per ciò che è, e cioè una benedizione. Ma questo accade solo a patto di conservare dentro di noi una briciola di pentimento e un angolo di umiltà nel cuore. Non è forse questo che salverà più tardi Pietro? E non è forse questo invece che tingerà di tragedia la fine di Giuda? “Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l’hai detto»”. Infatti non è Gesù a pronunciare su Giuda una sentenza di morte, fosse dipeso da Lui lo avrebbe salvato. È Giuda che si autodistrugge. È questo l’inferno. (Mt 26,14-25)

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.