Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Anticipare il dolore qualche giorno prima che si verifichi

Condividi

Finisce la Quaresima e inizia la Settimana Santa

All’improvviso arriva la fine della Quaresima. Quaranta giorni di cammino restano sotto i miei piedi. Ci arrivo con il cuore rinnovato? Con la speranza nell’anima? La mia fede è aumentata? Pretendo questo, desidero questo. Più fede, più pace, più allegria, più vita. È tutto quello che cerco.

Ricordo le parole di Papa Francesco all’inizio della Quaresima:

“Il cammino verso la Pasqua ci chiama proprio a restaurare il nostro volto e il nostro cuore di cristiani, tramite il pentimento, la conversione e il perdono, per poter vivere tutta la ricchezza della grazia del mistero pasquale. (…) Quando viene abbandonata la legge di Dio, la legge dell’amore, finisce per affermarsi la legge del più forte sul più debole”.

Mi sento peccatore. Ho bisogno di uno sguardo di misericordia. Una fonte a cui placare la mia sete. Un abbraccio in cui calmare la mia fame. Una mano che restituisca la luce ai miei occhi.

Alla fine della Quaresima vorrei avere il volto rinnovato. Vorrei avere il cuore convertito. Il mio cuore è così malato! Così ferito dai mutamenti della vita…

L’amore e il disamore. L’incontro e il disincontro. Il ritmo dei miei passi è duro. Non arrivo a fare tutto quello che desidero. Non raggiungo la meta.

Vorrei avere l’anima più piena della presenza di Dio. Avere Dio dentro di me. Vorrei essere più libero per amare ed essere così più privo di schiavitù. Più pieno d’amore e di speranza in mezzo alla polvere del mio cammino.

Nessuno mi condanna? Gesù non lo fa. Mi guarda con misericordia. E così riesce a far sì che io viva più pieno di allegria e di vita.

Mi sono pentito tante volte… Ho chiesto perdono umiliato. Ho ricevuto la misericordia sotto forma di abbraccio. E così arrivo alle porte di Gerusalemme, nella settimana della Pasqua.

Mi affaccio alla Domenica delle Palme. Aspetto alla porta dalla quale Gesù entra iniziando questi giorni della Settimana Santa. La settimana più santa dell’anno. La più dolorosa, la più piena di vita.

Finiscono i 40 giorni e il cuore desidera più tempo. Ha bisogno di più tempo per poter cambiare. Continuo ad essere debole e superficiale.

Cosa mi succede visto che dimentico ciò che conta in questi giorni? Mi concentro sulle cose non trascendenti, su quello che non mi dà la vita.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.